Perde la moglie per un male incurabile, i colleghi gli regalano i loro giorni di ferie

Una giovane moglie stroncata da un male incurabile ed un figlio piccolo da crescere. Ad aiutarlo però ecco la solidarietà dei suoi colleghi

Claudia Teslaru

Daniele Pugnaloni lavora per la ditta Clementoni di Recanati. Daniele è di Osimo e pochi giorni fa ha perso la sua dolce metà Claudia, stroncata a soli 44 anni da un male incurabile, lasciandolo solo con Cristian, il loro bambino di 3 anni. Un dramma che ha sconvolto anche i colleghi di Daniele, che hanno così deciso di compiere un gesto di grande generosità, donando non solo soldi ma anche le loro ferie per permettere a Daniele di avere più tempo da dedicare a suo figlio.

La morte della moglie Claudia risale allo scorso 4 ottobre. A quel punto i colleghi di Daniele hanno deciso di raccogliere dei soldi che sono stati donati in parte allo sfortunato papà ed in parte ad un'associazione che sostiene i bambini poveri nel mondo. Poi hanno voluto fare di più, donandogli anche alcune ore delle proprie ferie e permessi. Un gesto stupendo che, anche solo per un istante, avrà alleviato l'infinita tristezza per la scomparsa della sua amata Claudia.

Potrebbe interessarti

  • La pausa ideale, dove gustare i migliori 10 caffè di Ancona

  • Scarafaggi in casa, la disinfestazione può aspettare: come liberarsene da soli

  • Estate 2019, tutte le informazioni per la vacanza perfetta a Portonovo

  • “Farai la fine del ca’ de Luzi”, il detto anconetano tra leggenda e verità

I più letti della settimana

  • Luca padre di due bimbi, stroncato dalla cima-killer: si indaga per omicidio colposo

  • Un caso di febbre Dengue ad Ancona, è allerta: scatta il piano di prevenzione

  • Terribile schianto in A14, traffico bloccato: un ferito in gravissime condizioni

  • La cima si stacca dalla nave durante l'attracco, la frustata mortale uccide un portuale

  • Elisa trovata morta vicino al suo cane, l'autopsia rivela: «E' stato un malore»

  • La partita finisce in guerriglia, maxi rissa sugli spalti: pugni e bottigliate tra anconetani e sambenedettesi

Torna su
AnconaToday è in caricamento