Senigallia: minorenni salgono sul tetto della palestra per fumare erba

E' finita con una segnalazione al Prefettura e una alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Ancona la bravata dei tre minorenni che nella mattinata di ieri sono saliti sul tetto di una palestra di Senigallia

E’ finita con una segnalazione al Prefettura e una alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Ancona la bravata dei tre minorenni che nella mattinata di ieri sono saliti sul tetto di una palestra di Senigallia.

I FATTI. Verso le undici della mattina, la custode della palestra di Campo Boario – la struttura sportiva realizzata alla fine degli anni Sessanta in via dello Stadio – ha notato tre ragazzi che camminavano sul solaio della struttura. Il muretto di protezione, alto soltanto poche decine di centimetri, lasciava infatti intravedere i tre che scorrazzavano indisturbati sulla sommità dell’edificio, ad un’altezza pari a quella di una palazzina di tre piani.
Allarmata dal rischio di incidenti ai ragazzi, la custode ha chiamato il 113, chiedendo l’intervento della polizia. Arrivati sul posto, gli agenti hanno seguito lo stesso percorso che poco prima avevano compiuto furtivamente i tre ragazzi. Saliti al secondo piano della struttura, hanno scavalcato un cancello di ferro chiuso da un lucchetto, accedendo poi alla scala che porta al solaio e al box delle caldaie. Arrivati sul tetto, gli agenti hanno trovato i tre ragazzi seduti a terra. Accanto a loro, un estintore a polvere che i tre avevano divelto dal box delle caldaie e avevano scaricato poco prima per gioco, imbiancando parte del terrazzo. Alla vista degli agenti, i ragazzi hanno minimizzato l’accaduto, mentre uno di loro ha lanciato verso il box delle caldaie il berretto che teneva tra le mani, nel tentativo evidente di occultarlo.
Nel berretto gli agenti hanno rinvenuto un piccolo involucro di cellophane trasparente che conteneva marijuana. Il ragazzo in questione ha immediatamente dichiarato di aver acquistato la sostanza stupefacente per farne un uso personale. L’acquisto sarebbe avvenuto la sera precedente nei pressi di un locale situato sul lungomare di Senigallia.

I tre, privi di documenti di identità, si sono dichiarati studenti minorenni. Accompagnati in Commissariato per i gli accertamenti del caso, essi sono effettivamente risultati essere tre minorenni. Due di loro hanno 17 anni, mentre uno, residente a Roma, ha soltanto 15 anni. I due più grandi sono senigalliesi.
La mattinata si è conclusa con il sequestro del quantitativo di marijuana (pari a 0,528 grammi), la segnalazione al Prefetto di Ancona a carico del ragazzo che ha dichiarato di possedere la sostanza stupefacente per uso personale e la segnalazione di tutti e tre alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Ancona, per l’adozione di eventuali provvedimenti.
Al termine delle operazioni, i minori sono stati formalmente affidati ai loro genitori, i quali erano stati convocati in Commissariato e prontamente informati dagli agenti in merito all’accaduto.      
 

Potrebbe interessarti

  • «Sai come se dice in Ancona?» I proverbi top del capoluogo marchigiano

  • La 5°B si ritrova 40 anni dopo la maturità: gita, ricordi e serate mondane

  • Formiche in casa? Prova con l'aglio: i rimedi naturali per allontanarle

  • Spiagge last minute a prezzi stracciati: basta un click con la startup anconetana

I più letti della settimana

  • Cellulare in bagno per copiare la versione, espulso dall'esame di maturità

  • La vacanza finisce in tragedia: giovane papà muore schiacciato da un quad

  • L'invito a cena è una trappola: sequestrata in casa e stuprata

  • In porto c'è l'Andrea Doria, il caccia della Marina aperto al pubblico per le visite a bordo

  • Chiedevano 70 euro a prestazione, scoperta la casa squillo sulla Flaminia

  • Scontro tra due auto e uno scooter, c’è un ferito e traffico paralizzato

Torna su
AnconaToday è in caricamento