Il bar chiude: «Droga, prostitute e crollo consumi. Forse vado all'estero»

Il Piano perde un altro pezzo, il bar chiude i battenti dopo due anni di attività e il titolare spiega cosa c’è dietro alla scelta di abbassare la saracinesca

Mina Bar

Meno attrazioni, meno clientela se non quella di origine straniera «che non è certo una grossa consumatrice». Ma dietro alla recente chiusura del Mina bar di Corso Carlo Alberto c’è anche il volto trasformato negli anni di un quartiere diventato terra di nessuno. L' ormai ex gestore del locale, ha deciso di chiudere tutto e con rammarico spiega i suoi perché: «Il quartiere è diventato quello che è, italiani ce ne sono sempre meno e devi lavorare con clientela albanese, rumena, cingalese. Gente normalissima ma che non è una certo una gran consumatrice». Una questione commerciale, spiega Camponi, ma non solo: «Quando sono le 20,30 i locali chiudono perché non hai spazio per poter lavorare e la sera il quartiere diventa terra di nessuno. La gente anziana ha paura, non sono successe mai cose eclatanti se non la rapina a un uomo lo scorso ottobre con il coltello alla gola, ma a una certa ora escono fuori gli sbandati. Le prostitute extracomunitarie ci sono la mattina, il pomeriggio e la sera e per queste cose non serve certo la mia testimonianza, sono sotto gli occhi di tutti. Poi c’è anche lo spaccio di droga». 

Il Mina ha aperto nel 2016 e lo scorso 31 dicembre ha cessato l’attività: «Sto cercando di venderla- spiega Camponi- abbiamo altri progetti che potrebbero portarci anche fuori dall’Italia, ora è prematuro parlarne ma questa possibilità c’è. Ci prendiamo qualche giorno di riflessione e vogliamo valutare bene la scelta». Il Piano è cambiato, lo dice la maggiorparte della gente che ci vive o ci lavora: «Perché uno dovrebbe venire qui?- si chiede l'ex titolare- non ci sono più attrazioni e il Comune dovrebbe fare qualcosa, non abbiamo avuto neanche iniziative per il Natale. Fino a qualche anno fa c’erano il cinema e il mercatino, ora per gli ambulanti non ci sono neppure le prese per la corrente». Il futuro del quartiere? «Oggi al Piano vedo più bar che consumatori, ce ne sono 5 insieme a un fotografo, un kebab, 3 pizzerie al taglio ma credo che di questo passo resteranno solo le attività storiche». La scorsa estate il negozio di calzature “Romolo” ha abbandonato piazza Ugo Bassi dopo 47 anni di attività. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • eppure gli anconetani votano sempre pd,ma come mai?siamo un popolo di imbecilli,o siamo fedeli al nostro credo politico

  • le priorita' del governo sono altre: lotta gli ultra' (facilissima da vincere mentre difficilissima e quindi mai affrontata la lotta alla mafia), agli extracomunitari etc...etc...rilancio economico, lotta all'evasione fiscale, lotta alla mafia, lotta alla corruzione, alla disoccupazione etc...etc...mai afrontate da nessun governo italiano. e ringrazia pure il cielo che Ancona e' una citta' ancora tranquilla, se stavi da un'altra parte avresti pure pagato il pizzo e saresti poi stato costretto a svendere l'attivita' a qualche organizzazione criminale (impunita pure quella).

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni Comunali 2019, tutta la provincia al voto: la diretta

  • Politica

    Elezioni Europee 2019, tutta la provincia al voto: la diretta

  • Politica

    Il post Facebook è una burla, arrivano gli insulti del militante della Lega: gaffe pesante

  • Incidenti stradali

    Sbanda e finisce fuori strada, giovane soccorso in eliambulanza

I più letti della settimana

  • La discoteca era un magazzino, documenti falsi per avere le licenze: indagata la Commissione

  • Escherichia coli, divieto di consumo di cozze ad Ancona

  • Dramma della solitudine: trovato senza vita in cucina, era morto da almeno 10 giorni

  • Precipita dal terrazzo, un volo di 3 metri: imprenditore ricoverato all'ospedale

  • Mangiare carne ad Ancona, la classifica dei migliori 5 steakhouse del 2019

  • Precipita dal balcone sotto gli occhi dei vicini, donna in gravissime condizioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento