Sapori, profumi e tradizioni si incontrano tra più di 100 stand, al via il Mercato Europeo

«Così si vive Ancona con nuovi eventi cercando di avere da una parte una città viva e dall’altra un’organizzazione che tenga conto da chi ci risiede e da chi ci risiede» ha detto la Mancinelli

Cupcake al Mercato europeo

Si incontrano colori e sapori di tutta Europa e nazionalità provenienti dal resto del mondo. Prende così il via la terza edizione del Mercato Europeo Ambulante al centro di Ancona, da piazza Cavour alla parte alta del viale della Vittoria (incrocio con via Rismondo). Una nuova location che la Federazione Italiana Venditori Ambulanti (FIVA) si augura resti per le prossime edizioni. Già, perché l’entusiasmo espresso stamattina in occasione del taglio del nastro da parte del sindaco Valeria Mancinelli e del direttore generale di Confcommercio Massimiliano Polacco lascia presagire come questo evento abbia le potenzialità per diventare un appuntamento tipico per il capoluogo marchigiano. «E’ sicuramente una delle iniziative che ci fa uscire idealmente dal muro di Ancona - ha detto la Mancinelli - Così si vive la città, con nuovi eventi cercando di avere da una parte un'Ancona viva e dall’altra un’organizzazione che tenga conto di chi ci risiede. Non è facile rispondere ad entrambe le esigenze ma mi pare ci siamo riusciti». Dunque al via alla manifestazione che durerà fino a domenica e che già oggi ha visto l’afflusso di tanti anconetani interessati agli oltre 100 banchi (Qui tutti i prodotti). I più gettonati sono sicuramente quelli del gusto e dell’enogastronomia.

Video - Un giro tra gli stand del Mercato Europeo

Dai sapori tipici delle regioni marchigiane, come il chiosco delle olive all’ascolana, la porchetta toscana, i salumi umbri, gli arrosticini abruzzesi e speck e canederli trentini. Fino alle prelibatezze estere. C’è uno stand per ogni preferenza. Per i meno tradizionalisti che amano guardare oltralpe, c’è lo stand spagnolo dove i cuochi tengono sempre viva la fiamma di due padelle del diametro di quasi un metro per la cottura della paella. Chi ama la cucina speziata e piccante non si farà sfuggire di certo la tavola messicana con tacos, burrito, nachos e papas, il cui stand si trova proprio all’ingresso di piazza Cavour. C’è persino un banco dalla Lettonia. Insomma, dai più vicini prodotti austriaci fino al profumatissimo bancone della cucina tailandese con piatti fritti e dai gusti audaci, il Mercato Europeo risponde ad ogni palato e va oltre la cucina. Infatti ci sono anche bancarelle con tipici cappelli francesi, abiti e peluches dalla Lapponia e persino prodotti natalizi da Lucca. 

Da oggi fino a domenica nel cuore del quartiere Adriatico c’è tutto il continente europeo con i suoi colori, le tradizioni e quella convivialità tipica di una tavola imbandita a festa. Per gustare cibi da accompagnare con vino ma per gli amanti della birra ci sarà solo da scegliere davanti a quale spillatore fermarsi. E poi il dolce, tra cupcake inglesi, pretzel tedeschi e il delizioso strudel made in Austria. «Troviamo tutto quello che si trova nei mercatini natalizi auropei per cui è inutile andare in chissà quale mercatino etnico perché i mercatini europei sono qui ad Ancona signori» ha detto Polacco della Confcommercio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovanni, travolto dall'esplosione al distributore: morto a soli 29 anni

  • Esplosione al distributore di benzina, muore operaio anconetano: aveva 29 anni

  • Insetti, avanzi di cibo e dipendenti in nero, arrivano i carabinieri: il ristorante chiude

  • Dramma al Salesi, muore il feto ma i medici salvano la vita della madre

  • Settimo cambio d'insegna per Auchan, anche a Senigallia arriva il Conad Superstore

  • Un aneurisma non gli ha lasciato scampo, è morto il dj Luigi Trinchera

Torna su
AnconaToday è in caricamento