«Tu sei una morta che cammina» e giù botte alla nonna: in manette il nipote

Il 27enne arrestato dai carabinieri, trascorrerà il Ferragosto in carcere

L'intervento dei carabinieri

A chiedere aiuto al 112 è stata una nonnina, stremata dalle violenze psicologiche e fisiche subite dal nipote, un 27enne falconarese disoccupato e con precedenti per furti e droga che vive con i soldi elargiti dalla stessa anziana e dai propri genitori. Al culmine dell’ennesima lite in famiglia, questa mattina, il giovane è stato arrestato in flagranza di reato dai carabinieri della Tenenza di Falconara, guidati dal comandante Michele Ognissanti. L’accusa, per lui, è di maltrattamenti in famiglia. 

Una storia di minacce e violenze che i carabinieri avevano cominciato a monitorare già negli ultimi 6 mesi, quando i genitori del 27enne, insieme con la nonna materna, avevano trovato il coraggio di denunciare le ripetute vessazioni a cui erano sottoposti. Tra gli episodi più eclatanti, quello del maggio scorso quando il ragazzo aveva afferrato per il collo la nonnina 77enne per poi colpirla con una testata sul mento: l’anziana allora non ricorse alle cure mediche, né ebbe il coraggio di denunciare prontamente il nipote che nel 2018 aveva tentato di colpire suo padre con un pugno. L’uomo era riuscito a schivarlo, ma il cazzotto aveva malauguratamente raggiunto la madre del ragazzo, causandole delle escoriazioni. All’epoca il 27enne, che ancora viveva sotto lo stesso tetto dei genitori, venne “esiliato” in una mansarda di proprietà familiare, al fine di evitare il susseguirsi di ulteriori situazioni di tensione.

Nonostante tutto, le cose sono andate peggiorando progressivamente, fino a questa mattina quando, su richiesta della nonna materna, i carabinieri sono intervenuti a casa dell’anziana assistendo personalmente a un tentativo di aggressione nei suoi confronti. «Tu sei una morta che cammina» ha urlato il nipote alla nonna, come ascoltato distintamente dai militari che hanno provveduto ad arrestarlo. Il giovane passerà così il Ferragosto a Montacuto per essere sottoposto all’udienza di convalida e al giudizio direttissimo venerdì mattina in tribunale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sale sull'altare completamente nuda e urla come un'indemoniata: chiesa sgomberata

  • Entra in negozio e stacca il dito del titolare a morsi, poi scappa e viene arrestato

  • C'è l'esito dell'autopsia di Giuliano e un indagato: è il conducente del furgone

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Si prostituiscono in casa, gli agenti si fingono clienti e le scoprono: donne nei guai

Torna su
AnconaToday è in caricamento