Gli ultras dell'Anconitana torneranno a "casa": via alla riqualificazione della curva Nord

Dal Comune 190mila euro per i lavori al Del Conero. Restyling del Dorico, entro ottobre il bando per la gestione. L'assessore Guidotti: «Per lo sport investiti 5 milioni in 5 anni»

La curva Nord dello stadio Del Conero

Riapre la Curva Nord: gli ultras dell'Anconitana già dalla prossima stagione potranno tornare nella loro "casa" grazie a un investimento da 190 mila euro stanziato dalla Giunta comunale per l'intervento di manutenzione del settore dello stadio Del Conero dedicato al tifo più "caldo": comprenderà anche la sistemazione dei bagni.

Soddisfatto l'assessore allo Sport, Andrea Guidotti: «Questo intervento rientra nel programma dei lavori che ci eravamo dati - commenta -. In 5 anni abbiamo realizzato lavori negli impianti sportivi per oltre 5 milioni di euro. C'erano dei grossi problemi manutentivi degli impianti che non erano stati affrontati e quindi ci siamo trovati a dover intervenire in maniera importante. Stiamo seguendo un percorso mirato, iniziando dagli impianti più vetusti e in base al loro utilizzo e alla fruizione da parte dell'utenza.  E' un programma che non è concluso, visto che anche l'anno prossimo attueremo ulteriori interventi per più di un milione di euro».

Intanto ieri è stato dato via libera ai lavori al Del Conero per la manutenzione della curva Nord e la riqualificazione dei servizi igienici per 190mila euro e per risolvere il problema delle infiltrazioni che interessavano anche gli uffici sottostanti del Coni. Per il 2020 saranno stanziate altre somme per ulteriori manutenzioni. Si chiuderà invece entro l'anno la prima tranche di lavori allo stadio Dorico e a fine ottobre uscirà il bando per la gestione della struttura per 3 anni, a cui mira fortemente l'Anconitana. Iniziano intanto in questi giorni i lavori per la copertura del Palabrasili per un totale di 52.000 euro. Stanno parallelamente terminando i lavori del rifacimento  di due nuovi spogliatoi al Palaveneto per un importo di circa 50.000 euro. Sono intanto terminati i lavori delle uscite di sicurezza al Palascherma. «In questi anni abbiamo lavorato a pieno regime, consci del valore che lo sport ha per Ancona - aggiunge l'assessore Guidotti -, non solo per la vasta gamma di società sportive anche di alto livello, che annovera la città e delle quali siamo orgogliosi, ma anche perché lo sport rappresenta un volano per la nostra economia. Lo testimoniano, infatti, le tante manifestazioni di caratura nazionale e internazionale che il capoluogo dorico ospita, con una importante ricaduta anche sulle nostre strutture commerciali e ricettive». 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoppia un maxi incendio sul lungomare, chalet devastato dalle fiamme

  • Guida l'Espresso 2020, due ristoranti anconetani tra i 10 migliori d'Italia: la classifica

  • Schianto nella notte, scooter travolto da una Harley Davidson: muore a 17 anni

  • Addio Elia, morto a 17 anni in sella al suo scooter: una comunità intera sotto choc

  • Sequestrata la supercar dei ladri, dentro un arsenale: spallata alla banda dell'Audi scura

  • Precipita dal 5° piano della sua palazzina, gravissima una ragazza di 20 anni

Torna su
AnconaToday è in caricamento