Merloni – J.P., i lavoratori di Marche e Umbria dal prefetto di Ancona Pironti

Fim, Fiom e Uilm: "Illustreremo al Prefetto le difficoltà che stanno attraversando 1435 lavoratori, chiederemo lo sblocco della vendita della A. Merloni e il pagamento della cassa integrazione"

Lavoratori ex A Merloni in protesta davanti alla sede INPS

Fim, Fiom e Uilm per lunedì 28 ottobre 2013 alle ore 16.30 effettueranno un presidio davanti alla Prefettura di Ancona e insieme a una delegazione di lavoratori e di lavoratrici della Antonio Merloni in Amministrazione Straordinaria e di lavoratori della J.P. Industries  incontreranno il dott. Alfonso Pironti,  Prefetto di Ancona.

“Illustreremo al Prefetto di Ancona le difficoltà che stanno attraversando i 1435 lavoratori dell’Antonio Merloni in A. S. tra Marche ed Umbria – scrivono i sindacati in un comunicato congiunto – che a novembre 2013 rischiano di terminare la cassa integrazione ed essere tutti licenziati.
Nonostante l’accordo di programma tra stato e regioni, che avrebbe dovuto agevolare nuovi progetti industriali per il ricollocamento dei lavoratori, ad oggi non ci sono progetti fattibili che diano prospettive di lavoro.

In merito ai 700 Lavoratori J.P. Industries chiederemo al Prefetto che la vendita della Antonio Merloni alla J.P. Industries non sia messa in discussione, perché sarebbero solo i lavoratori a pagarne le conseguenze sulla loro pelle.

Inoltre, chiederemo al Prefetto di Ancona,  tramite il suo filo diretto sia con il Ministero del Lavoro che con il Ministero dello Sviluppo Economico, di sbloccare il pagamento della cassa integrazione dei lavoratori J.P. Industries di Marche ed Umbria e dei lavoratori Antonio Merloni in A.S. dell’Umbria.

Non è possibile che in un paese di diritto come l’Italia, i lavoratori già flagellati dalla crisi, vengano privati di un’integrazione salariare a causa di burocrazie ingiustificate e di dirigenti pubblici nazionali che non si assumono le proprie responsabilità, visto che il loro reddito è lautamente onorato.

Ci auspichiamo che il Prefetto di Ancona comprenda e si adoperi a risolvere le difficoltà dei lavoratori, cioè di coloro che creano la vera ricchezza di questo territorio e che pagano le tasse regolarmente nonostante tutto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un colpo mortale a Fiorella e 4 fendenti al marito: il killer aveva già provato ad entrare

  • Parcheggia lo scooter e si lancia sotto il treno: tragedia sui binari

  • Choc in spiaggia, prende a pugni una donna e scappa: nella fuga perde i documenti

  • Schianto sulla strada per Portonovo, auto contro scooter: grave una donna

  • Il killer della porta accanto piantonato in ospedale, aggredì anche un uomo a sprangate

  • Entra in casa di una coppia di anziani, prima ammazza lei e poi si scaglia contro il marito

Torna su
AnconaToday è in caricamento