Maxi evasione per 700mila euro, blitz della finanza: nei guai 3 imprenditori

L’indagine è stata avviata nello scorso mese di dicembre 2018, dopo un attento monitoraggio delle imprese operanti sul territorio

JESI - I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Jesi hanno eseguito un’importante operazione che ha portato alla scoperta di un sistema evasivo organizzato da imprenditori cinesi, operanti nel settore delle confezioni di capi di abbigliamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’indagine è stata avviata nello scorso mese di dicembre 2018, dopo un attento monitoraggio delle imprese operanti sul territorio. Il sistema evasivo, messo in campo attraverso il meccanismo “apri e chiudi”, prevedeva che un’impresa, dopo circa due anni dalla sua costituzione, terminasse la propria attività ed al suo posto subentrasse una nuova ditta individuale, appositamente costituita, che proseguiva l’attività di quella precedente, utilizzando gli stessi locali e macchinari e rapportandosi con i medesimi clienti e fornitori. Tutte le imprese succedutesi nel corso del tempo però venivano gestite di fatto sempre dallo stesso soggetto (dominus). Con questo turn over fittizio, le ditte che cessavano l’attività “dimenticavano” gli adempimenti fiscali. I finanzieri, dopo aver ricostruito il giro d’affari attraverso mirati controlli incrociati eseguiti presso i clienti, hanno rilevato che gli imprenditori cinesi, a fronte di fatture emesse per oltre 700.000 euro, non avevano presentato le dichiarazioni fiscali ottenendo un notevole risparmio d’imposta. Al termine delle attività d’indagine, dopo aver individuato l’effettivo gestore delle ditte e i suoi prestanome, sono stati denunciati 3 imprenditori cinesi e, su disposizione della locale Autorità Giudiziaria, è stato eseguito un sequestro preventivo per equivalente finalizzato alla confisca di beni per un valore complessivo di euro 130.000, costituiti da conti correnti, crediti nonché macchinari utilizzati nell’esercizio d’impresa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella notte: ragazzo si toglie la vita nella sua camera con una corda

  • «Lavorare così è impossibile, me ne vado». Marco chiude il bar appena inaugurato

  • Donna si rifiuta di dare i soldi al badante che lavorava per lei: lui la stupra in casa sua

  • Marche, nell'ultima settimana si abbassa l'età dei positivi :il 75% dei casi è under 35

  • Frecce tricolori ad Ancona, venerdì 29 maggio lo spettacolo nei cieli: il programma completo

  • Forte, coraggioso, veloce come il vento: addio Giuseppe, campione nella vita e nello sport

Torna su
AnconaToday è in caricamento