Il "più bello d'Italia" è di Offagna: intervista a Gianluca Tamberi

Gianluca Tamberi, un ragazzo di Offagna, ha 22 anni ed è "Mr Italia": l'uomo più bello del Paese. Lo abbiamo incontrato per parlare di lui, del concorso e del territorio anconetano

Gianluca Tamberi è un ragazzo di 22 anni di Offagna, ha studiato e frequentato l'Università ad Ancona, da tre anni è nel gruppo sportivo delle Fiamme Gialle ed è stato in nazionale di atletica leggera: detiene 2 record italiani (under 20 e under 23) nel lancio del giavellotto. Ma soprattutto Gianluca è l'uomo più bello d' Italia - e non è un modo di dire - perchè ha vinto l'ultima edizione di Mr. Italia. Gianluca è stato coinvolto in questa esperienza dal suo amico Carlo Bernardi che, lavorando già nell'ambito della moda, lo ha lanciato in questo concorso insieme ad altri ragazzi. Gianluca si è così cimentato in questa sfida e prima dell'estate scorsa ha cominciato a gareggiare, sfilando come modello nelle Marche e in Abruzzo fino ad arrivare alle semi finali in cui si è trovato insieme a 120 ragazzi a Pescara. Lì ne sono stati selezionati 30, che per tre giorni sono rimasti nel capoluogo abruzzese sotto controllo di una giuria, per affrontare una serie di prove in vista della fase finale. Gianluca ha superato anche queste fasi fino arrivare alla finale, che ha vinto ricevendo il titolo di "Mr. Italia". Noi lo abbiamo intervistato.

Gianluca tu sei di Offagna e rappresenti la bellezza italiana, sai che questo fa di te un vanto per Ancona e provincia?

"Sono molto contento. Offagna ha una forte politica di promozione del territorio che apprezzo molto. Mio fratello, Gianmarco Tamberi ha partecipato alle Olimpiadi di Londra e il paese è stato molto attivo nel congratularsi con lui, gli hanno stampato un manifesto e hanno organizzato una festa al suo ritorno da Londra. Anche con me i cittadini sono stati molto disponibili, si sono congratulati tutti e sono molto fiero e molto contento di questo. Io per ora sono contento di come stanno andando le cose, spero che mi aiuteranno e sosterranno ancora. Mr Italia è per me un'occasione per promuovere quella che è la mia persona e la città da cui vengo mi dà un grosso sostegno. Il titolo è un ottimo trampolino di lancio per me che sogno di entrare nel mondo del cinema."

Per il futuro, essere Mr Italia a 22 anni, che cosa significa?

"Guarda io ho fatto il concorso per gioco. Ho realizzato solo dopo quelle che sono le prospettive e, oggi, lavoro per la Claudio Marazzoni Comunication ed è un gruppo fantastico. Prima ancora del concorso mi ero già iscritto al Dams perchè il cinema è un passione che mi porto dietro da quando sono piccolo. Dunque ho intenzione di proseguire in questa direzione, valendomi anche di quanto aiuto possibile questo titolo potrà darmi.



Alcune persone credono che questi concorsi alimentino un sistema in cui l'unica cosa che conta è l'aspetto fisico, mortificando chi punta sulla cultura e l'intelletto. Che ne pensi?

"Io credo che la bellezza sia una cosa in più, non un limite: io amo leggere, ho una mia cultura personale, anche musicale, e voglio sfruttare questa occasione non certo per presentarmi come un belloccio stupido. Io voglio esprimere la mia persona, che non è solo la mia bellezza. Questa è un'idea vecchia e, anzi, vorrei provare a sfatare questo mito. Per di più il wellness, il benessere, è una filosofia sempre più diffusa oggi, ci sono professionisti che scrivono libri su come le persone possano curare il proprio corpo nella maniera più ideonea. Il wellness riguarda l'alimentazione, la preparazione fisica, la conoscenza e il giusto utilizzo dei prodotti farmaceutici. Sono fiero di rappresentare questa categoria di persone."

Com'è cambiato il tuo rapporto con Offagna e Ancona?

"Offagna è un paese piccolo. Noi da più piccoli tendevamo a fare cose più tranquille e confinate nelle nostre mura piuttosto che prendere la macchina e andare a fare serata. Il concorso poteva essere un elemento in contrasto con questo stile di vita, invece i miei amici sono stati fantastici, mi hanno acclamato e mi hanno sempre sostenuto durante le selezioni. Nel mio gruppo la musica è sempre stata importante e ci tengo a sottolineare che proprio ad Offagna sono nati i "Nefesh": un gruppo metal, dove canta Paolo Tittarelli, mio carissimo amico. I Nefesh sono il mio gruppo preferito e sono stati la colonna sonora di molti momenti difficili della mia vita.

Che tipo di ragazza cerca Mr Italia?

"C'è stato un periodo in cui ho cercato uno stereotipo di ragazza sia fisicamente che mentalmente. Ma adesso posso dichiarare di aver smesso di cercare un particolare tipo di ragazza perché ho capito che l'amore è una cosa che viene da sè e ti travolge, vestendo spoglie che non avresti mai creduto."




 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

  • Vedere il figlio nel calcio professionistico, il sogno di papà Roberto si realizza prima di arrendersi alla malattia

  • Esce dal reparto di ortopedia e finisce direttamente al Pronto Soccorso

  • Le Marche dicono no al 5G, approvata la mozione dei Verdi: «Rischi per l'uomo»

Torna su
AnconaToday è in caricamento