Banda di fronte al giudice, Akari: «Non sapevo niente di quello spray». Gli altri fanno scena muta

Già ieri Andrea Cavallari, si era dichiarato estraneo alla tragedia alla Lanterna Azzurra di Corinaldo, in provincia di Ancona

Foto di repertorio

E’ da poco terminato l’interrogatorio di garanzia davanti al giudice per gli accusati di essere la banda dello spray al peperoncino che lo scorso dicembre provocò la strage di Corinaldo. Si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere. Tutti tranne Moez Akari, che ha detto: «Non ho usato lo spray al peperoncino, ero lì quella sera, ma con lo spray non c’entro nulla, non ho avuto contatto con gli altri». Akari, difeso dall’avvocato Gianluca Scalera, ha anche negato di aver avuto rapporti con gli altri ragazzi della banda. Akari conosceva Di Puorto, ma solo di vista. Il ragazzo è sconvolto da questa vicenda.

Già ieri Andrea Cavallari, si era dichiarato estraneo alla tragedia alla Lanterna Azzurra di Corinaldo, in provincia di Ancona.

Gli altri, Souhaib Haddada e Badr Amouiyah, oltre a Ugo di Puorto e Raffaele Mormone, assisti dai propri legali, hanno scelto il silenzio ma, lo ha detto l’avvocato Pier Francesco Rossi, non è escluso che possano chiedere di essere sentiti nei prossimi giorni. Anche il titolare del compro oro, il 65enne Andrea Balugani, si è avvalso della facoltà di non rispondere.

«BECCHIAMO I GENOVESI E LI ASFISSIAMO», L'INDAGINE SI ALLARGA AD ALTRE CITTA'

INTERROGATORIO, LA BANDA DI FRONTE AL GIUDICE

LA TESTIMONIANZA DELL'IMPRENDITORE

UNA BANDA E DUE SQUADRE

ORGOGLIO PER IL PADRE BOSS E L'ODIO PER LA POLIZIA: CHI E' UGO DI PUORTO

TUTTE LE INTERCETTAZIONI CHOC DELLA BANDA DELLO SPRAY

DNA, TABULATI E UN'INTUIZIONE DEI CARABINIERI

CORINALDO COME TORINO, RAPINE IN TUTTA ITALIA CON LO SPRAY: LE BANDE SI SPARTIVANO I TERRITORI 

BANDA DELLO SPRAY SENZA SCRUPOLI, RAPINATO ANCHE CHI AIUTAVA I FERITI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento