Offese sui social e poi le scuse, il sindaco lo perdona: via la querela

Lo scorso settembre un utente aveva insultato su Facebook il primo cittadino che aveva sporto querela: «Preso dall’impulsività ho utilizzato termini che non mi sono consoni, sono rammaricato»

«Ritengo doveroso indirizzare alla Sua persona formali scuse per aver scritto, nel mese di settembre 2018, su Facebook, frasi diffamatorie riguardanti la sua persona e denigratorie del suo operato. Sono una persona semplice e animata da buone intenzioni ma in quel momento, preso dalla polemica e dall’impulsività, ho utilizzato termini e concetti che non mi sono consoni e contrastano con il mio modo di vivere. Non era mia intenzione mettere in dubbio né la Sua onestà né la Sua capacità e professionalità nello svolgere il ruolo istituzionale che ricopre, e di questo me ne rammarico». È questo il testo della lettera pervenuta al sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi da parte di un uomo verso il quale lo stesso primo cittadino aveva esposto querela per un post pubblicato su Facebook dai toni gravemente diffamatori.

«Prendo atto delle scuse – afferma Mangialardi – pervenutemi con l’autorizzazione a renderle pubbliche e l’accettazione da parte sua del pagamento delle spese legali. Ritiro pertanto la querela, ma, come ho già detto altre volte, vorrei fosse chiaro una volta per tutte che considero mio profondo dovere difendere il ruolo e l’istituzione che rappresento dalla mancanza di educazione civica e dall’odio politico. Inoltre di fronte all’uso reiterato dei social network come strumenti di offesa, denigrazione e diffamazione, ribadisco che non è più mia intenzione soprassedere a falsità infamanti e ingiuriose che riguardano la mia persona e la mia dignità di cittadino. Anche nello scontro politico più duro, infatti, dal quale non mi sono mai tirato indietro, la base deve sempre essere il rispetto dei singoli individui. Chi per mancanza di educazione, incompetenza o odio di fazione pensa di poter sostituire impunemente l’insulto alla critica legittima sbaglia di grosso e dovrà risponderne per vie legali».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Dipendente comunale investita da uno scooter: in ospedale

  • Cronaca

    Il furgone che trasporta medicinali è aperto, ladro ruba le chiavi di alcune farmacie della città

  • Politica

    Muro, la Regione si allea con i Comuni per il No

  • Politica

    Ricostruzione post sisma, Anci Marche: «Più rispetto per i sindaci e meno polemiche»

I più letti della settimana

  • Ancona dà l'addio a Lorenzo, non è finita: «Ora aiutiamo anche gli altri»

  • Camionista ritrovato cadavere nella cabina del proprio mezzo pesante

  • Parafarmacia distrutta dall’incendio, c’è l'ombra del dolo

  • Daniele ha lottato ma non ce l'ha fatta, morto il 19enne vittima di un terribile incidente

  • Cocaina nascosta all'interno della cucina, arrestato per la seconda volta il titolare

  • Cristina morta al volante, si indaga sulle cause: migliorano gli altri feriti

Torna su
AnconaToday è in caricamento