Tamponano un carabiniere, l'auto si ribalta: all'ospedale due donne e un neonato

Incidente da brividi davanti alla caserma provinciale dell'Arma, strada chiusa: sul posto 118 e vigili del fuoco

La scena dell'incidente

Pauroso schianto in via della Montagnola, proprio davanti alla caserma del Comando provinciale dei carabinieri: nell’impatto tra due auto, una si è ribaltata su un fianco. All’interno c’erano due donne e un neonato: sono stati portati tutti all’ospedale, ma non sono gravi. 

L’incidente è avvenuto attorno alle 15,30. Per motivi in corso d’accertamento da parte della polizia locale, la Fiat Panda condotta da una donna di 43 anni, su cui viaggiavano un’amica più giovane e il figlio di lei di appena due mesi, assicurato al seggiolone nel sedile posteriore, ha tamponato una seconda Fiat Panda in dotazione all’Arma dei carabinieri, guidata da un militare rimasto illeso. L’auto delle due amiche, con il neonato a bordo, è planata dopo l’urto e si è ribaltata sul fianco sinistro. Subito sono stati attivati i soccorsi. Sul posto è intervenuto il 118 con l’automedica e due ambulanze della Croce Gialla di Ancona e della Croce Verde di Castelfidardo, oltre ai vigili del fuoco che hanno aiutato ad uscire gli occupanti dall'abitacolo. Madre e figlio sono stati accompagnati per accertamenti al Salesi, mentre la 43enne al volante è stata portata a Torrette in codice giallo. Via della Montagnola è rimasta chiusa in un lungo tratto per agevolare le operazioni di soccorso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il lungomare sommerso da acqua e detriti, danni ingenti a ristoranti e stabilimenti

  • Scoppia una cisterna, uomo travolto dall'esplosione: tragedia sfiorata in azienda

  • Insetti, avanzi di cibo e dipendenti in nero, arrivano i carabinieri: il ristorante chiude

  • Dramma al Salesi, muore il feto ma i medici salvano la vita della madre

  • Caos in tabaccheria per un Gratta e Vinci, scoppia una lite: arrivano i carabinieri

  • Segano le sbarre di una finestra, ladri in pasticceria: «Siamo blindati ma non basta»

Torna su
AnconaToday è in caricamento