Senigallia: incendio e bomba in una palazzina, evacuate le famiglie

Alle 5 e 30 di martedì un incendio doloso e la deflagrazione di un rudimentale ordigno esplosivo hanno scosso i condomini di un palazzo di via del Molinello. Lasciati volantini con minacce e insulti

Senigallia, via del Molinello

Alle 5 e 30 del mattino di ieri un incendio doloso e la deflagrazione di un rudimentale ordigno esplosivo hanno scosso i condomini di un palazzo di via del Molinello: le fiamme sono state appiccate davanti ad un ingresso del terzo piano, corrispondente all'appartamento di un'inquilina nemmeno presente al momento del fatto, figlia di un imprenditore locale. L'incendio è stato innescato dando alle fiamme alcuni zerbini, mentre la rudimentale bomba – a quanto sembra costituita da taniche di benzina con la probabile applicazione di un congegno a tempo –  è esplosa nel locale dei garage, sempre in corrispondenza del posto auto dell'inquilina in questione, provocando molti danni e rendendo inagibile il piano superiore. L’intervento dei Vigili del Fuoco ha consentito l’evacuazione dal palazzo dei condomini, 12 famiglie in tutto, con anziani e bambini, che hanno lasciato lo stabile muniti di maschere di ossigeno.

All’ingresso del palazzo è stato lasciato un coniglio scuoiato appeso per il collo, con una scritta ingiuriosa ( "Così devono finire ladri e truffatori"). In tutte le cassette della posta è stato lasciato un secondo volantino fotocopiato, anche questo pieno di insulti. Secondo quanto riportato dalla stampa, dal disconnesso messaggio emergerebbe il movente del folle gesto incendiario, una questione di soldi collegata all'azienda in questione, ovvero la Euro Marmi. Le indagini della polizia di Senigallia, su cui vige il più stretto riserbo, hanno permesso di appurare che gli ignoti attentatori (più di una persona, molto probabilmente) si sono introdotti nello stabile dopo aver rotto i vetri del portone condominiale di ingresso.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Malore durante una partita di tennis, rianimato sul posto: è gravissimo

  • Tragedia al cantiere, muore un operaio

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Scompare dopo la visita dal dentista, una task force per cercarlo

Torna su
AnconaToday è in caricamento