Chalet devastato dalle fiamme, dubbi sulle origini dell'incendio: il locale non era assicurato

I carabinieri di Senigallia sono al lavoro per capire che cosa possa aver provocato l'incendio che ha devastato uno stabilimento balneare al confine tra Montemarciano e Marzocca

I vigili del fuoco dopo aver spento le fiamme

Non è esclusa alcuna ipotesi per spiegare l’incendio che ieri sera ha devastato lo chalet Chateau Chateur (ex Waikiki), sul lungomare al confine tra i comuni di Montemarciano e Marzocca. In queste ore infatti stanno indagando i carabinieri di Senigallia che, coordinati dalla comandante Francesca Romana Ruberto (foto in basso), battono qualsiasi pista: dall’incidente fino all’atto intimidatorio.

VIDEO - La cenere dopo l'incendio, lo chalet non esiste più

Di certo è sempre meno probabile che, ad appiccare il rogo, possa essere stato il proprietario o qualcuno che avesse interesse a riscuotere una eventuale assicurazione, per un semplice motivo: lo stabilimento balneare non era assicurato. Dunque, dopo aver interrogato il titolare del locale, gli inquirenti si stanno concentrando su tutte le altre ipotesi. Ma sarà fondamentale l’esito delle analisi degli esperti ingegneri dei vigili del fuoco di Ancona, che hanno lavorato anche oggi per risalire al punto di innesco delle fiamme che, in pochi minuti, hanno avvolto il legno della struttura, della quale non è rimasto che un cumulo di macerie. 

L’allarme è scattato ieri intorno alle 19. Sul posto sono intervenuti 5 mezzi e 15 uomini dei vigili del fuoco di Ancona e del distaccamento di Senigallia. Ci sono volute ore per domare le fiamme, mentre 2 pattuglie dei carabinieri avevano chiuso la strada al traffico. 

DUBBI SULLE ORIGINI DELL'INCENDIO, LOCALE SENZA ASSICURAZIONE 

VIDEO - CENERE DOPO L'INCENDIO, LO CHALET NON ESISTE PIU'

FIAMME ALTE 10 METRI - VIDEO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Nell'auto una spesa per più di mille euro, polizia chiede e loro danno risposte diverse

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Cade fuliggine dal cielo, residenti preoccupati: arriva l'Arpam per i controlli

  • Lite temeraria, condannata la palestra chiusa da 6 mesi: ipotesi class action per i clienti

Torna su
AnconaToday è in caricamento