Anno Accademico, a lezione da Milena Gabanelli: «Studenti, trovate la vostra strada»

La popolare giornalista ha lanciato un messaggio al Governo in via di formazione in tema di ricostruzione post terremoto: «Serve un’assicurazione statale obbligatoria»

MIlena Gabanelli alla cerimonia di apertura dell'Anno Accademico

L’Anno Accademico 2018-2019 è ufficialmente iniziato e all' inaugurazione nell’aula Magna dell’Università Politecnica delle Marche arriva un’insegnante di eccezione, la giornalista Milena Gabanelli. E’ stata l’ex conduttrice della trasmissione di inchiesta “Report” ad esortare gli studenti ad «avere coraggio per trovare la propria strada e ribaltare quello che dentro le università non funziona più» e a lanciare un appello al Governo in via di formazione sul tema del terremoto: «Le Marche hanno il problema della ricostruzione e penso che su questo punto sia venuta l’ora di arrivare a una assicurazione obbligatoria di Stato come avviene nei Paesi fortemente sismici come la California, il Giappone o la Turchia. Lì lo Stato fa da assicuratore proprio per calmierare i prezzi, quindi polizze basse adeguate al reddito e alle zone di rischio e con questo sistema presumibilmente gran parte delle zone danneggiate dal sisma sarebbero già state ricostruite». Poi il commento all’attuale situazione politica nazionale: «E’ qualcosa di certamente nuovo e posso solo augurarmi che si riesca a trovare il modo di scrostare tutto quello che per anni ha tenuto fermo questo Paese». 

Studenti e cittadini del mondo

In platea erano presenti, tra gli altri, il sindaco Valeria Mancinelli, il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, il prefetto Antonio D'Acunto l'arcivescovo Angelo Spina e i vertici delle forze dell'ordine. La Gabanelli ha partecipato alla cerimonia in Aula Magna accanto alla docente di Biologia Applicata Stefania Gorbi, al presidente del Consiglio Studentesco Leonardo Archini e al Rettore dell’ateneo, Sauro Longhi: «Abbiamo chiesto a Milena Gabanelli di partecipare perché rappresenta un giornalismo che sa parlare del presente, sa affondare la conoscenza sui problemi dell’oggi e chi meglio di lei all’inaugurazione dell’anno accademico in cui cercheremo di dettare le strategie per il futuro su orizzonti molto lunghi?». E proprio il futuro dell’Università marchigiana e non solo, secondo Longhi, passa per l’integrazione: «Gli studenti devono essere cittadini del mondo, contribuendo ad accogliere chi ha bisogno di conoscenza e di sostentamento economico. L’augurio che faccio a loro è quello di saper capire le differenze attraverso i valori che diffondiamo nelle nostre aule». Leonardo Archini ha evidenziato alcune criticità della vita universitaria in generale: «Non c’è spazio per il confronto interno, la formazione del pensiero critico è lasciata al singolo e parlare di politica nei luoghi di conoscenza è spesso un tabù». 

Ma è crisi di studentesse

Gli immatricolati sono 4.150 e il numero complessivo di studenti si avvicina ai 17.000 ma il tasso di studentesse iscritte è fermo al 47,5% contro il 58% della media Nazionale. I corsi di Ingegneria meccanica e Ingegneria informatica danno piena occupabilità a tre anni dalla laurea ma con una percentuale di studentesse rispettivamente del 12% e del 14%, tra le più basse di tutto l’ateneo: «L’organizzazione del lavoro sta cambiando e dobbiamo scommettere sulle ragazze anche per i settori scientifici e tecnologici» ha commentato Longhi. Crescono del 20% gli iscritti ad Economia e Commercio, del 26% Ingegneria Gestionale e c’è il boom per i corsi di Food and Beverage innovation and managemente (+40%).  Il tasso di studenti fuori corso è pari al 30%. Il 69,1% dei laureati trova impiego nell’area in cui si trova l’Università. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Prima esibizione dopo la strage di Corinaldo, Malika Ayane: «Non è facile per me»

  • Cronaca

    Ragazzi fuori dal coma, medici ottimisti: «Non si prospettano danni cerebrali»

  • Cronaca

    Strage in discoteca, Fedez polemico: «Sfera non doveva andare in quel posto»

  • Cronaca

    Paga l'escort dopo il sesso, poi la rapina e si riprende la somma pagata

I più letti della settimana

  • Terrore in discoteca, spray al peperoncino e si scatena il caos: ci sono dei morti

  • Vite schiacciate, ecco le le storie delle vittime

  • In fuga dalla discoteca del terrore, ipotesi cedimento balaustre: 6 morti e 10 feriti gravi

  • Strage in discoteca, i nomi delle vittime: la più piccola aveva solo 14 anni

  • La conferma che risolve il dubbio: «Sfera Ebbasta stava arrivando a Corinaldo»

  • Terrore in discoteca, i sopravvissuti: «Devastazione come in guerra, un orrore che non dimenticherò»

Torna su
AnconaToday è in caricamento