Banche, Giorgetti (Confapi): «Bene la fusione tra Bcc di Ancona e Falconara»

A dirlo è Giorgio Giorgetti, presidente di Confapi Ancona e Confapi Marche, associazioni di imprese che guarda soprattutto al settore manifatturiero e metalmeccanico

Giorgio Giorgetti

«C'è bisogno di fare banca e ben venga la fusione tra la Bcc di Ancona e quella di Falconara M., perché le imprese avranno un interlocutore certamente più forte e sempre ben radicato sul territorio». A dirlo è Giorgio Giorgetti, presidente di Confapi Ancona e Confapi Marche, associazioni di imprese che guarda soprattutto al settore manifatturiero e metalmeccanico aggregando circa 400 realtà diverse.

«Il comparto bancario in questi anni ha dimostrato di dover essere ripensato aldilà dei casi singoli vissuti anche in questo territorio - ha aggiunto - In un paese che vive della piccola e media impresa come l'Italia e, ancor più in una regione come le Marche che ha costituito un modello apprezzato ed imitato per anni, è necessario che le banche consentano agli imprenditori di fare il proprio lavoro, snellendo le procedure che spesso mortificano la competitività delle aziende e dimostrandosi anch'esse imprese moderne e non strutture burocratiche. Le banche di credito cooperativo fanno parte del DNA di questo paese e la nuova BCC di Ancona e Falconara M. nasce con numeri importanti considerando il patrimonio, la raccolta e gli impieghi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento