Nel garage aveva più di un chilo di hashish, arrestato per spaccio un 51enne

In tutto 1,026 chili, sequestrato dopo le analisi mediante il narcotest che hanno confermato che si tratta di hashish che, sul mercato, avrebbe fruttato sul mercato 11mila euro

Il fumo sequestrato

Arrestato un tunisino di 51 anni residente a Montemarciano, noto alle forze dell’ordine, responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Da qualche tempo i Carabinieri della Stazione di Montemarciano seguivano i movimenti dell’uomo domiciliato con la sua famiglia in un appartamento a Marina, sospettato di essere dedito allo spaccio di droga. Ieri sera i militari si sono appostati in borghese sotto l’abitazione del 51enne ed hanno atteso che lo stesso rientrasse, poi hanno bussato alla porta di casa per eseguire una perquisizione. L’uomo ha subito condotto i Carabinieri in cucina, tirando fuori da un cassetto del mobile un involucro di cellophane costituito con un piccolo quantitativo di sostanza resinosa di colore marrone del peso di circa 6 grammi. Il modico rinvenimento non ha convinto gli investigatori che a quel punto hanno deciso di controllare ache nel resto della casa e in garage dove, nascosto all’interno di un borsone, hanno trovato un pacco rivestito di nastro adesivo marrone conservante 10 panetti di hashish da 100 grammi ognuno.

Su ogni panetto era impresso il marchio “R32” che indica la partita di provenienza. In tutto 1,026 chili, sequestrato dopo le analisi mediante il narcotest che hanno confermato che si tratta di hashish che, sul mercato, avrebbe fruttato sul mercato 11mila euro. Il tunisino al termine delle formalità di rito è stato arrestato e portato nel carcere di Montacuto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile frontale tra due auto, tragedia al tramonto: un morto e un ferito grave

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Tragedia in casa, trovato morto un papà di 44 anni

  • Tragico investimento in via Conca, l'uomo è morto in ospedale

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Ucciso da un'auto davanti all'ospedale, Giuseppe era andato a trovare la moglie

Torna su
AnconaToday è in caricamento