Scuole nel mirino dei ladri, ancora un colpo ma il bottino è una beffa

Hanno forzato la porta, sono entrati nel plesso scolastico senza essere notati da nessuno. Il colpo è tecnicamente riuscito ma la conta del bottino si è rivelata una beffa

Hanno forzato le porte antipanico della scuola, sono entrati e hanno scassinano la cassettiera del distributore automatico. I ladri che la notte scorsa sono entrati alla scuola Collodi di Fabriano se ne sono andati con il bottino, sì. Per loro sfortuna però il distributore di bevande era stato svuotato del denaro prima delle vacanze di Natale e il blitz ha fruttato non più di qualche decina di euro. Il raid ha comunque causato il danneggiamento di una porta antipanico, sulla vicenda indagano i carabinieri di Fabriano che verificheranno anche l’eventuale collegamento tra questo furto e quello sventato nella sede degli uffici comunali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il colpo segue quello portato a termine alle scuole Mazzini, dove i ladri hanno preso di mira sempre i distributori di cibo e bevande, e alle Marco Polo. In quest'ultimo caso è stato portato via anche un pc portatile. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ricercato in Italia, faceva la bella vita a Santo Domingo: preso latitante marchigiano

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • La polizia gli chiede i documenti e lui si rifiuta: «Non siete legittimati a farlo»

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • I sentieri del Conero, 7 itinerari per veri duri (o quasi): la classifica completa

Torna su
AnconaToday è in caricamento