Osimo: si aggiravano sospetti in via Fosso, presi dai Carabinieri

E' successo ieri pomeriggio nell'ambito di una serie di controlli che i Carabinieri di Offagna stavano effettuando. Hanno scoperto due sospetti che hanno tentato la fuga con un furgone pieno di ferro rubato

Ieri, intorno alle ore 18:00, i Carabinieri della Stazione di Offagna erano intenti a controllare il territorio al fine di prevenire eventuali reati contro il patrimonio, in particolare i furti in abitazioni private in zone sensibili quali Aspio e San Biagio. Durante il pattugliamento i militari, lungo la via del Fosso, hanno sorpreso due sconosciuti aggirarsi nei pressi delle abitazioni in maniera sospetta. I due, di origine rom, passeggiavano tra le villette della zona osservando recinzioni, finestre e balconi.

Alla vista dei carabinieri i due si sono dati alla fuga e hanno tentato di raggiungere un autocarro Fiat Iveco 35, che conteneva rifiuti ferrosi e in parte rifiuti speciali. Dunque il mezzo veniva chiaramente utilizzato per la raccolta abusiva di materiali speciali. La raccolta del ferro, come ci ha spiegato il Capitano Raffaele Conforti, è un’attività criminale in uso: il ferro viene rubato e poi viene sciolto o rimodellato al fine di riciclarlo e rivenderlo ad aziende che lavorano quel tipo di materiale.

Una volta in caserma, i due sospetti sono stati identificati in V.M, nato a Medgidia (Romania) nel 1989, di Grottazzolina (FM), coniugato e nullafacente e C.N., nato a Calarasi (Romania) del 1990, di Grottazzolina (FM), coniugato, nullafacente e incensurato. Sono stati poi denunciati a piede libero per “attività illegale in concorso di gestione di rifiuti speciali non autorizzati” e il mezzo è stato confiscato.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile frontale tra due auto, tragedia al tramonto: un morto e un ferito grave

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Tragedia in casa, trovato morto un papà di 44 anni

  • Tragico investimento in via Conca, l'uomo è morto in ospedale

  • Ucciso da un'auto davanti all'ospedale, Giuseppe era andato a trovare la moglie

  • Malore durante una partita di tennis, rianimato sul posto: è gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento