Operazione "Oro rosso", controlli a tappeto della Polizia Ferroviaria contro i furti di rame

L’attività si è svolta sia in ambito ferroviario che presso i numerosi siti di autodemolizione e deposito rottami

Foto di repertorio

Mercoledì scorso il Compartimento Polizia Ferroviaria di Ancona, nell’ambito del piano Nazionale disposto Dal Servizio di Polizia Ferroviaria volto al contrasto del fenomeno dei furti di rame in ambito ferroviario, ha pianificato mirati servizi nel territorio delle tre regioni di competenza, Marche, Umbria e Abruzzo. L’attività si è svolta sia in ambito ferroviario che presso i numerosi siti di autodemolizione e deposito rottami, dove a volte è stata riscontrata la presenza di rame rubato del genere utilizzato per le infrastrutture elettriche delle ferrovie. 

Oltre al danno economico rappresentato dal materiale pregiato sottratto, il furto provoca tutta una serie di ulteriori problematiche legate alla circolazione del traffico ferroviario che, inevitabilmente, subisce pesanti interruzioni e ritardi in attesa che venga ripristinata la struttura danneggiata. I controlli hanno visto impegnati circa 45 operatori che hanno pattugliato decine di km di linea ferroviaria, controllato 74 persone e 22 depositi di rottami. Nella zona di Orvieto, particolarmente bersagliata da furti, nelle scorse settimane, la Polfer ha recuperato una tonnellata e mezzo di rame rubato ed un furgone, anch’esso oggetto di furto, utilizzato per il trasporto del materiale. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sale sull'altare completamente nuda e urla come un'indemoniata: chiesa sgomberata

  • Entra in negozio e stacca il dito del titolare a morsi, poi scappa e viene arrestato

  • C'è l'esito dell'autopsia di Giuliano e un indagato: è il conducente del furgone

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Si prostituiscono in casa, gli agenti si fingono clienti e le scoprono: donne nei guai

Torna su
AnconaToday è in caricamento