Sirene e applausi per l'addio a Principi: «Scriveteci i vostri ricordi per un libro da dare alla figlia»

Una folla commossa ha seguito le esequie di Gilberto Principi al Rosario. Il padre: «Niente condoglianze ma un forte applauso da tutti voi»

Michela Paoletti, moglie di Principi, con il fratello del defunto

Fra un anno una cena per ricordarlo, nel frattempo l'invito a inviare ricordi, aneddoti e foto da racchiudere in un libro da regalare alla figlia di Gilberto Principi, il fondatore della Blu Pubblica Assistenza deceduto giovedì scorso in circostanze ancora al vaglio della magistratura. È l'appello arrivato dalla famiglia al termine della cerimonia funebre che è stata celebrata oggi, lunedì 7 maggio, alla Beata Vergine del Santissimo Rosario di Falconara. Chiesa stracolma. Nella folla tanti volti noti della politica locale e regionale che, a vario titolo, avevano conosciuto Principi. Il 52enne, prima di dar vita alla Blu era volontario della Croce Gialla e impegnato in politica: già assessore ai Servizi Sociali nella giunta Grifa, era stato eletto consigliere comunale con il primo mandato di Giancarlo Carletti. Tra i presenti il sindaco Goffredo Brandoni, l'ex assessore regionale al Lavoro Marco Luchetti, l'ex sindaco di Ancona Fabio Sturani, l'ex parlamentare Claudio Maderloni. Altri ex come Roberto Piccinini e Terenzio Impiglia, vicesindaco e assessore della giunta Recanatini, colleghi in giunta di Michela Paoletti, che proprio in quel periodo aveva conosciuto e poi sposato Principi. E ancora, gli ex assessori comunali Giancarlo Scortichini e Gilberto Baldassarri, l'ex consigliere comunale Giovanni Graziosi.

Il feretro è al centro. Sopra una piccola striscia con la dedica della figlia Victoria: «Babbo Gilberto ti voglio bene tanto così». Ai lati, due volontari della Blu vegliano in piedi. «Una persona che dell’amore e del servizio ha fatto le parole della sua vita» ha detto il parroco don Giovanni Varagona durante la messa, celebrata con don Michele Montebelli, parroco di Agugliano, falconarese molto vicino alla famiglia. Al termine della funzione, il padre Demetrio, presidente della Dinamis Falconara calcio a 5, ha preso parola per chiedere a tutti i presenti di unire le condoglianze in un unico grande applauso. Il fratello Fabio ha invece chiesto a tutti di aiutare la famiglia a ricostruire il personaggio. «Vi chiedo una cortesia – ha detto il fratello Fabio - avete ricordi di lui che a noi mancano. Scrivete un foglietto, mandateci un'email e faremo un libro ricordo per la figlia. Una cena, un incontro. Ve lo chiedo per Victoria». All'uscita dalla chiesa, ad attendere il feretro, le sirene della Blu e di altre Anpas arrivate da varie parti della regione per un ultimo saluto prima dell'accompagno al cimitero comunale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, altri 2 tamponi positivi: salgono a 3 i casi nelle Marche

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

Torna su
AnconaToday è in caricamento