Si spara in casa per problemi economici, muore a 52 anni

Tragedia nel pomeriggio: un operaio ha imbracciato un fucile da caccia e ha fatto fuoco. L'uomo è deceduto dopo la corsa disperata in ambulanza verso l'ospedale di Torrette

i carabinieri sul posto

Non ce l'ha fatta l'uomo di 52 anni che nel pomeriggio di oggi, giovedì 12 ottobre, si è sparato un colpo di fucile al fianco in un villino in via La Costa, a Falconara Alta. I carabinieri della Tenenza di Falconara hanno confermato il suicidio. Il 52enne, che si era trasferito da circa un anno in città con la giovane compagna, attorno alle 16 ha imbracciato uno dei tre fucili da caccia, regolarmente posseduti, e ha fatto fuoco colpendosi all'addome. Il colpo, puntato sul fianco, gli ha causato ferite poi rivelatesi fatali. L'uomo si trovava nel soggiorno del bilocale che occupava con la compagna. Lo sparo, nonostante ci si trovi in una zona periferica della città, a ridosso dei campi e quindi battuta quotidianamente da cacciatori chiaramente avvertibili con i loro colpi di doppietta, ha allertato immediatamente la moglie e i vicini. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Immediati i soccorsi. Sul posto i mezzi del 118, i carabinieri del Norm di Ancona e della Tenenza di Falconara. Il 52enne era ancora vivo. È stato caricato in ambulanza ma è deceduto una volta arrivato all'ospedale di Torrette dove era stato ricoverato, gravissimo, in prognosi riservata. All'origine del gesto estremo, a quanto sembra, ci sarebbero problemi economici. Operaio in una ditta di pesca operante nel porto di Ancona, all'uomo era stata ritirata la patente circa due anni fa a seguito di un incidente stradale nel quale aveva perso la vita una donna. Pur continuando a lavorare per la stessa azienda, lo stipendio era stato riparametrato alla nuova mansione. Soldi in meno che non bastavano. Le preoccupazioni economiche, unite forse il rimorso per quella vita spezzata, sarebbero secondo gli investigatori all'origine di quanto avvenuto oggi. Uno stato montante e inesorabile di afflizione che lo ha condotto all'estremo gesto.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'addio a Fiorella Scarponi, al funerale anche il marito. Le figlie: «Sei il sole che splende al mattino»

  • Crisi respiratoria fatale, addio Alessia: muore a 22 anni dopo 8 giorni di agonia

  • Pauroso incidente tra 4 auto, 2 finiscono in un campo: ci sono dei feriti

  • Scattano i controlli sulle spiagge, entra senza prenotazione e viene multato

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

Torna su
AnconaToday è in caricamento