Neve: esercito a pagamento. È polemica

Già da questa mattina si era parlato di un possibile intervento dell'esercito dietro pagamento, e la conferma arriva anche da Il Fatto Quotidiano: settecento euro al giorno, più il vitto e l'alloggio

Per “liberare” le frazioni assediate dalla neve da stamattina interverrà l’Esercito, ma a pagamento. Il sindaco Gramillano e l’assessore alla Protezione civile Fabio Borgognoni hanno avuto questa mattina un incontro con i rappresentanti del Genio di Piacenza e del 28mo Reggimento di Pesaro, che hanno dato la disponibilità di uomini e mezzi: nelle serata sono in azione 14 spalatori dell’Esercito da Pesaro da impiegare specificatamente nelle frazioni e altri 17 addetti  da Piacenza  con 6 mezzi spazzaneve che saranno utilizzati fino alla fine della settimana.

Già da questa mattina avevano cominciato a circolare le voci su un possibile intervento dell’esercito dietro pagamento – la prima a riportare la notizia era stata E’tv – e la conferma arriva anche da Il Fatto Quotidiano:  settecento euro al giorno, più il vitto e l’alloggio.

IN DETTAGLIO. Duecento euro al giorno un bobcat, 800-900 euro per una ruspa, un somma "al di sotto dei 100 euro a testa" per l'impiego dei soldati, cui però vanno garantiti vitto e alloggio. E' il tariffario che il sindaco di Ancona Fiorello Gramillano si è formalmente impegnato a onorare, in una comunicazione scritta passata attraverso la Prefettura del capoluogo, per poter avere l'aiuto dell'Esercito nell'emergenza maltempo. "Naturalmente faremo fronte agli accordi - osserva Gramillano - ma non trovo giusto che nel momento in cui c'é un'emergenza, una calamità, questa debba essere a carico della comunità colpita". "Questo al di là della professionalità e disponibilità mostrata dal maggiore e dal capitano che sono appena arrivati in città, e che ringrazio per il lavoro che hanno già cominciato a fare". Ad Ancona operano 14 spalatori del 28/o Reggimento di Pesaro, e 17 soldati (con sei spazzaneve) da Piacenza. Dovranno liberare le frazioni isolate dal maltempo. "Anche i costi di trasporto dei mezzi dal luogo di provenienza, in questo caso Piacenza, sono a carico dell'amministrazione comunale", sottolinea Gramillano, senza altri commenti. L'impiego a titolo oneroso dei soldati nasce dopo la riforma della leva, e a quanto si è appreso è regolato da un accordo fra i ministeri della Difesa e degli Interni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: ANSA
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Crisi respiratoria fatale, addio Alessia: muore a 22 anni dopo 8 giorni di agonia

  • Pauroso incidente tra 4 auto, 2 finiscono in un campo: ci sono dei feriti

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

  • L'addio a Fiorella Scarponi, al funerale anche il marito. Le figlie: «Sei il sole che splende al mattino»

  • «Aiuto, lasciami, non mi toccare», le ultime parole di Fiorella prima del colpo mortale

Torna su
AnconaToday è in caricamento