Processi: accusato da un’amica, riconosciuto innocente dopo 5 anni

I fatti risalgono all'aprile del 2007: un professore dell'istituto d'arte di Ancona aveva trovato sulle scale della scuola un borsello, contenente alcune dosi di hashish, eroina e 150 euro

Cinque anni per essere riconosciuto innocente. È la vicenda giudiziaria raccontata dal Messaggero, una storia purtroppo come tante, in un paese afflitto da un’endemica lentezza giudiziaria come l’Italia.
I fatti risalgono all’aprile del 2007: un professore dell’istituto d’arte di Ancona aveva trovato sulle scale della scuola un borsello, contenente alcune dosi di hashish, eroina e 150 euro.

I carabinieri erano arrivati sul posto e avevano rintracciato la proprietaria, una studentessa 16enne all’epoca dei fatti, che si era giustificata dicendo che la droga non era sua e aveva indicato prima un compagno di scuola coetaneo – risultato estraneo – e poi un altro ragazzo, già maggiorenne, dell’hinterland anconetano, che si è vista riconosciuta la sua innocenza solo 5 anni dopo.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, l'autopsia: Maycons ucciso da una emorragia

  • Investita sulle strisce pedonali nella strada maledetta: grave una donna di 53 anni

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, ci sono 10 indagati tra medici e infermieri

  • «Mi ha fotografata mentre ero in bagno». Scoppia la lite al mare, arriva la polizia

  • Agguato sotto casa, accerchiato e aggredito da due uomini: uno era incappucciato

  • Tamponano un carabiniere, l'auto si ribalta: all'ospedale due donne e un neonato

Torna su
AnconaToday è in caricamento