Da piazzale Martelli al porto, una corsa per dire no alla violenza sulle donne

Da Villarey, sede dell'università di Economia, in corsa per Ancona per partecipare al flash mob che coinvolge altre 40 piazze in tutta Italia. Si tratta di Women to run organizzata ad Ancona dalla Sef Stamura

Tanti modi di dire no alla violenza sulle donne e per sensibilizzare l’opinione pubblica. Come, ad esempio, un serpentone di colore rosso che corre per le strade di Ancona. Si tratta di Woman in run, manifestazione che coinvolge 40 città italiane con flash mob, spettacoli e iniziative. L'iniziativa nasce come risposta all'episodio accaduto a Milano lo scorso novembre, quando una runner è stata sfregiata da sconosciuti dopo un tentativo di violenza sessuale

Proprio ad Ancona, a poche ore dalla sentenza d'Appello che ha confermato la condanna dell'aguzzino di Lucia Annibali, la Sef Stamura ha organizzato una corsa per le strade del centro di Ancona.  E proprio la notizia della sentenza è stata, ovviamente, un argomento di discussione tra i partecipanti che attraversavano le vie della città dorica. Dopo l’appuntamento alle 9 davanti all’ingresso di Villarey, sede della facoltà di Economia, il gruppo di corridori, guidato dall'allenatrice Donata Piangerelli, si è spostato per le via del centro fino al porto. Poi la risalita per corso Garibaldi, Viale della Vittoria fino al Passetto. La partecipazione è ovviamente gratuita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«È un’occasione d’incontro fra donne – scrivono gli organizzatori - per allenarsi, conoscersi e correre insieme, in contemporanea, in tutta Italia gridando No alla violenza». Una manifestazione che non ha visto nessun limite di genere di età. Giovani e meno giovani, uomini e donne. Tutti intenti a correre, metaforicamente, verso una nuova cultura del rispetto dell'altro sesso e la sconfitta della violenza sulle donne. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella notte: ragazzo si toglie la vita nella sua camera con una corda

  • «Lavorare così è impossibile, me ne vado». Marco chiude il bar appena inaugurato

  • Donna si rifiuta di dare i soldi al badante che lavorava per lei: lui la stupra in casa sua

  • Marche, nell'ultima settimana si abbassa l'età dei positivi :il 75% dei casi è under 35

  • Frecce tricolori ad Ancona, venerdì 29 maggio lo spettacolo nei cieli: il programma completo

  • Forte, coraggioso, veloce come il vento: addio Giuseppe, campione nella vita e nello sport

Torna su
AnconaToday è in caricamento