Denunciata per ubriachezza e lesioni a pubblico ufficiale, espatriata una 32enne

La donna non potrà più rientrare in italia per i prossimi 5 anni

Disturbo della quiete pubblica, abuso d'alcool e lesioni ai Carabinieri. Per questo una donna romena di 32 anni è stata espulsa e dovrà tornare nel suo Paese d'origine. La 32enne negli ultimi mesi si era resa protagonista di svariati episodi di violenza, quasi tutti commessi nel territorio anconetano.

Il primo fatto è avvenuto nel luglio del 2018 quando scagliò una bottiglia di birra verso alcuni clienti di una pizzeria, minacciando inoltre un poliziotto intervenuto poco dopo. Dopo il suo arresto avvenuto il 23 luglio per Resistenza e Lesioni ad un Pubblico Ufficiale, il 25 agosto dello stesso anno aggredì dei Carabinieri intervenuti presso un esercizio pubblico sulla Flaminia dove era stata segnalata la presenza della donna in un forte stato di agitazione. Il 3 novembre, sempre in un bar del centro, aggredi il titolare perchè si rifiutò di servirle da bere. La donna inferocita lo colpì in pieno volto con un posacenere, con l'uomo che tentò di farsi giustizia da solo brandendo un martello. L'aggressione si concluse con tre punti di sutura al capo per la donna, che venne medicata a Torrette ed il sequestro del martello utilizzato dal proprietario del locale. A fine anno, il 27 dicembre, infastidì un cliente di un bar di Piazza Rosselli ad Ancona e venne denunciata per aver opposto resistenza agli Ufficiali intervenuti. Il 18 febbraio del 2019, mentre si trovava in via Colombo ad Ancona, aggredì un tassista mentre il 25 febbraio a Senigallia venne sanzionata per ubriachezza molesta e porto di armi. L'ultimo episodio risale al 2 marzo, sempre a Senigallia, presso un bar delle Saline quando venne nuovamente sanzionata dalla Polizia per ubriachezza molesta a seguito dell'ennesimo parapiglia causato all'interno di un locale. 

Questa volta, grazie al tempestivo interessamento dell'Ufficio Stranieri della Questura di Ancona che si è interfacciato con il Ministero dell'Interno, la donna è stata caricata nella notte su un'autovettura dei Carabinieri ed accompagnata presso il Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Ponte Galeria, a Roma. La 32enne prenderà il primo charter disponibile in direzione Romania e non potrà più far ritorno in Italia per i prossimi 5 anni. Se non ottemperà a questo divieto la donna verrà arrestata e punita con la reclusione fino ad un anno di carcere ed accompagnata con effetto immediato alla frontiera.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, l'autopsia: Maycons ucciso da una emorragia

  • Si annoda una corda al collo e si lascia andare: vigile del fuoco trovato morto in casa

  • Investita sulle strisce pedonali nella strada maledetta: grave una donna di 53 anni

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, ci sono 10 indagati tra medici e infermieri

  • «Mi ha fotografata mentre ero in bagno». Scoppia la lite al mare, arriva la polizia

  • Agguato sotto casa, accerchiato e aggredito da due uomini: uno era incappucciato

Torna su
AnconaToday è in caricamento