Disperato per aver perso il lavoro tenta il suicidio: salvato dalla moglie

Il fatto è accaduto alle Palombare: la moglie lo ha trovato nel bagno, riverso in una pozza di sangue ma ancora vivo, con i polsi tagliati. L'uomo aveva perso il lavoro qualche mese fa

Era disperato per aver perso il lavoro – ormai da qualche mese – e per non essere riuscito a trovarne un altro: la moglie lo ha trovato nel bagno, riverso in una pozza di sangue ma ancora vivo, con i polsi tagliati. Il fatto è accaduto ieri pomeriggio, attorno alle 18, in un appartamento nel quartiere delle Palombare. La donna era appena rincasata quando, non vedendo il marito, ha iniziato a chiamarlo fino a che non lo ha scoperto in bagno, privo di sensi.

Immediatamente sul posto, oltre ai sanitari del 118, anche le forze dell'ordine. L'uomo è stato trattato sul posto e accompagnato d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale regionale di Torrette. Ricoverato in sala urgenze, secondo quanto riportato non si trova in pericolo di vita.

Purtroppo un'altra storia di disperazione legata alla crisi economica dopo il dramma che ha sconvolto Civitanova Marche solo qualche giorno fa.

Fonte: AGI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il lungomare sommerso da acqua e detriti, danni ingenti a ristoranti e stabilimenti

  • Scoppia una cisterna, uomo travolto dall'esplosione: tragedia sfiorata in azienda

  • Insetti, avanzi di cibo e dipendenti in nero, arrivano i carabinieri: il ristorante chiude

  • Oscar della pizza 2019, la miglior pizzeria delle Marche è Mezzometro

  • Caos in tabaccheria per un Gratta e Vinci, scoppia una lite: arrivano i carabinieri

  • Segano le sbarre di una finestra, ladri in pasticceria: «Siamo blindati ma non basta»

Torna su
AnconaToday è in caricamento