Senza stipendio da mesi vuole buttarsi da una gru: salvo per miracolo

Il suo datore di lavoro non gli pagava lo stipendio da mesi, lui si ubriaca e minaccia di gettarsi da una gru: svenuto per la vodka a lo spavento, un miracolo inatteso gli salva la vita

È accaduto sabato notte a Filottrano: B.D., un operaio polacco di trent'anni residente nel comune anconetano, completamente ubriaco e in preda alla più cupa disperazione, è entrato in un cantiere di via Fonti e si è arrampicato in cima a una gru, a 25 metri di altezza, poi ha chiamato i carabinieri.
Quando i militari sono giunti sul posto assieme ai vigili del fuoco e a un’autoambulanza, l’uomo ha spiegato il suo dramma in un italiano stentato: il suo datore di lavoro non lo pagava da mesi e lui era arrivato al limite della sopportazione (e dell’indigenza), aveva fatto il pieno di vodka e adesso voleva farla finita.

Le forze dell’ordine e i sanitari hanno cercato di farlo desistere dal suo intento, ma l’operaio era ormai in preda al terrore e non connetteva più: ha urlato come un ossesso fino a perdere i sensi, cadendo dalla gru. Tutti i presenti hanno trattenuto il fiato in attesa dello schianto, quando un improvviso miracolo ha fatto sì che le sue gambe restassero impigliate nel mezzo, facendolo penzolare sano e salvo.
In coma etilico, l’uomo è stato condotto all’ospedale di Jesi, dove si trova in prognosi riservata: le sue condizioni non sono gravi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • C'è l'esito dell'autopsia di Giuliano e un indagato: è il conducente del furgone

  • Addio a Attilio Sciarrillo, titolare della farmacia di via Ascoli Piceno

Torna su
AnconaToday è in caricamento