Lavori al cimitero per pagarsi il bagno extra lusso: «Diciamo che s'è spaccata una fogna»

Opere fittizie per giustificare l'uscita di denaro pubblico: così per gli inquirenti si arricchivano il geometra del Comune arrestato per corruzione e un imprenditore "amico". Ecco le intercettazioni

Gli operai portano il bagno al geometra del comune

«C’è circa 23mila euro... questo te lo tieni tutto con quegli 8 e ci facciamo il bagno: l’idea è questa...» Un’idea diabolica: programmare lavori fittizi e utilizzare denaro pubblico per rifarsi il bagno di casa. Era questo, secondo gli inquirenti, il piano di Simone Bonci, 46enne geometra comunale, impiegato nel Servizio Manutenzioni, Frana e Protezione civile. Voleva regalarsi un bagno di lusso, senza spendere un euro di tasca sua. Come? Gonfiando i costi di riqualificazione dell’area del Passetto, mediante varianti ad hoc, e affidando all’imprenditore “amico” lavori (eseguiti in parte o mai effettuati) nei cimiteri della città, ma anche al parcheggio Traiano. E la tangente è arrivata direttamente a casa (GUARDA IL VIDEO).

Lavori gonfiati

La polizia giudiziaria non ha dubbi: i 65mila euro di opere affidate direttamente alla Mafalda Costruzioni Srl, di cui è socio Tarcisio Molini, 64enne di Civitanova, valevano appena 2mila euro. In particolare, è con i soldi (33.311 più Iva) stanziati per il cimitero del Pinocchio («manutenzione straordinaria fognatura e pavimentazioni parcheggio antistante la serie XV»), con determina del 31 maggio 2019, che Bonci intendeva pagarsi la ristrutturazione del bagno di casa. «I soldi del Pinocchio del Pinocchio sono 37mila euro lordo, dato che è un cantiere ancora aperto si possono inventare che si è spaccata una fogna e hanno fatto intervenire una persona...» dice in una conversazione il geometra a un collega. Per la procura, «con delibere precedentemente emesse dalla medesima pubblica amministrazione, riguardanti lavori diversi già finanziati, Bonci programmava di attingere dalle somme accantonate e stornarle illegittimamente per altri lavori, in assenza di passaggi formali»: insomma, false delibere per lavori da non eseguire, in modo da giustificare l’uscita di denaro pubblico con cui pagarsi il bagno di casa .

Nuovo bagno per il dipendente, la tangente arriva a domicilio | VIDEO

Il bagno extra lusso

Il geometra, finito in carcere con l’accusa di corruzione, aveva fretta che il cimitero del Pinocchio venisse sistemato subito, nel giro di pochi giorni, nel maggio scorso: un’urgenza che, per gli inquirenti, non era dettata «dalla prossima apertura al pubblico della serie XV» e dalla «necessità di mantenere fruibile l’area parcheggio a servizio del cimitero», come recita la determina dirigenziale, bensì dalla necessità di dover pagare subito la ditta del Maceratese che gli stava rifacendo la toilette di lusso e minacciava di far slittare il cantiere a dopo l’estate. Bonci non aveva liquidità immediata e nemmeno l’amico Molini, che si era impegnato - lo confermerebbero le intercettazioni telefoniche e ambientali - a pagare per conto del geometra i materiali particolarmente ricercati, in cambio di lavori fasulli o eseguiti solo in parte, come quelli al cimitero di Candia, liquidati addirittura due volte per la medesima tipologia di opera (chiusura buche) e a cifre spropositate: 323 euro a mq di asfalto a freddo. Ma poi ci sono anche i lavori al cimitero di Pietralacroce (4500 euro per una linea elettrica e tegole marsigliesi mai messe) e altri 4500 euro per una recinzione al cimitero di Candia, oltre a 9mila euro per opere di impermeabilizzazione al quinto piano del parcheggio Traiano, mai eseguite, senza dimenticare una variante ad hoc da 30mila euro sui lavori della stradina d’accesso al Passetto che la Mafalda si era aggiudicata in gara con un ribasso d’asta del 22,9%, salvo poi recuperare completamente il margine grazie agli ulteriori affidamenti procurati da Bonci, che si prodigava perché le liquidazioni per l’imprenditore amico «viaggiassero più veloci», al punto da «stridere» (cioè farsi sentire a gran voce) in Ragioneria per sollecitare il pagamento delle fatture.

I lavori fittizi

Eh sì, non c’era tempo da perdere: l’estate stava arrivando, l’azienda incaricata dei lavori a casa del dipendente comunale minacciava di non mandare «il mobile del bagno, il radiatore e gli accessori» perché la Mafalda non aveva completato i pagamenti per mancanza di disponibilità. E allora via con l’affidamento di altri lavori nei cimiteri. «Se non gli si fa questo ca..o di bonifico parziale di 4600 euro, due termosifoni e altri due ciaffi che hanno disponibili non li mandano» confida Bonci a Molini che, però, è a letto con 39 di febbre e non può far nulla. «Toglimi da st’impasse, famme la cortesia...» lo prega Bonci. Che poi rassicurerà l’imprenditore sulla volontà di «mandare avanti Varano», cioè prevedere altri interventi nel cimitero di Varano da affidare all’amico, secondo l’accusa, per ripagarlo della mancata aggiudicazione di una gara per un colombaio di Pietralacroce, un muro di cinta e il ripristino di un marciapiede. Lavori da fare bene, si raccomandava, «perché a Varano ci abita l’assessore Manarini». D’altro canto, tra Molini e Bonci ormai si era creato un discreto feeling, basato su lavori da concordare di volta in volta. «Che problemi c’è? Mica è l’ultima cosa che facciamo...»  

LADRI IN CASA DEL GEOMETRA, LA TANGENTE E' UNA PORTA BLINDATA: «IL LAVORO TE LO PAGO DOPPIO»

MAGGIORANZA COMPATTA INTORNO AL SINDACO MANCINELLI 

FORESI VA A TESTA ALTA

ALTRA IDEA DI CITTA' CONVOCA UN'ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI 

ALTRO CHE MELA MARCIA, "ACCORDO DI MALAFFARE BEN PIU' AMPIO": «QUI C'E' IL PANE, SONO SOLDI SUBITO E FACILI»

GLI ANCONETANI HANNO PAGATO CIRCA 300MILA EURO DI APPALTI FITTIZI

LA POSIZIONE DEL MOVIMENTO 5 STELLE

LA POSIZIONE DI FORZA ITALIA

FRATELLI D'ITALIA CHIED ELE DIMISSIONI

LA MANCINELLI PARLA DI UNA MELA MARCIA

LAGHETTI DEL PASSETTO E CIMITERI, REGALI HI-TECH IN CAMBIO DI TANGENTI 

MANARINI SI DIFENDE: «HO LE MANI PULITE, MA QUESTA E' UNA TRAGEDIA PERSONALE»

VIDEO - BLITZ DELLA POLIZIA NEGLI UFFICI DEL COMUNE

L'OPPOSIZIONE IN CONSIGLIO CHIEDE LA COMMISSIONE: «E' MORTA LA FIDUCIA IN VOI»

VIDEO - LA POLIZIA DENTRO PALAZZO DEL POPOLO

I NOMI DEGLI INDAGATI NELL'INCHIESTA

VIDEO - LE IMMAGINI CHE RIPRENDONO LA MAZZETTA E INCHIODANO IL GEOMETRA 

IL COMMENTO DEL SINDACO

CORRUZIONE E CLIENTELISMO, ARRESTI E INDAGATI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale è lontano, ma non troppo: i consigli per decorare l'appartamento con stile

  • Trova la madre morta in bagno, arriva la polizia: tragedia in un appartamento

  • Il lungomare sommerso da acqua e detriti, danni ingenti a ristoranti e stabilimenti

  • Scoppia una cisterna, uomo travolto dall'esplosione: tragedia sfiorata in azienda

  • Corruzione, Caglioti sospeso per aver rispettato segreto su indagini: «E' dittatura»

  • Chiede l'elemosina al market, mostra i documenti ma è troppo tardi: denunciato

Torna su
AnconaToday è in caricamento