Ambulanti: controlli della Municipale, scattano le chiusure forzate

Controlli a tappeto dei Vigili urbani tra Corso Mazzini e Pizza Roma: nel mese di marzo sono state comminate 24 revoche definitive. Alcuni ambulanti non pagavano la Tosap da 20 anni

Controlli a tappeto dei Vigili urbani tra Corso Mazzini e Pizza Roma: nel mese di marzo sono stati ben 24 gli ambulanti che si sono visti affibbiare dall’ufficio per il Commercio del Comune la revoca perché non in regola con la Tosap, ovvero la tassa per l’occupazione del suolo pubblico. Le revoche sono definitive, dunque al posto delle bancarelle dovrebbero esserci solo spazi vuoti: il Messaggero ne ha contati 4 in Piazza Roma e 6 nel “corso vecchio”, troppo pochi. E infatti in questi giorni gli agenti della Municipale stanno passando per verificare i banchi ancora aperti nonostante la diffida, e già due commercianti sono stati "pizzicati" per non aver rispettato l'ordinanza, e costretti a chiudere.

I posti lasciati liberi saranno riaffidati dall’ufficio preposto del Comune. La vicenda, ricorda sempre il quotidiano, era emersa un anno fa, quando Ancona Entrate aveva verificato i pagamenti della Tosap dei bancarellari ed erano emerse morosità da record: dei 60 ambulanti non in regola, alcuni non pagavano le tasse da ben 20 anni. L’amministrazione raggiunse allora un accordo per un pagamento dilazionato, che non tutti però sono riusciti a rispettare.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane si toglie la vita lanciandosi contro un treno, disagi sulla tratta ferroviaria

  • Terribile frontale, nuovo bollettino: «Il bambino è ancora in condizioni critiche»

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

  • Un male incurabile le ha spento il sorriso, la città piange Carla Fraboni

  • Perde il controllo, finisce fuori strada, si ribalta e resta in bilico sul muretto

  • Vedere il figlio nel calcio professionistico, il sogno di papà Roberto si realizza prima di arrendersi alla malattia

Torna su
AnconaToday è in caricamento