Da "Colpo di pistola" a "Bottiglie rotte", la storia dei Subsonica diventa spettacolo al porto antico di Ancona

Il gruppo è salito sul palco intorno alle 22. Poi sono stati 120 minuti di adrenalina pura per gli oltre 3mila fan accorsi da ogni parte delle Marche ed oltre per il concerto che chiude l'8 Tour

Un'immagine del concerto

Due ore di elettronica al porto antico di Ancona dove ieri sera si sono esibiti i Subsonica, i quali hanno così chiuso il loro “Tour 8”, tour estivo con cui la band torinese ha celebrato 20 anni di storia (GUARDA IL VIDEO). Una scaletta dedicata con cui la band capitanata da Samuel ha reso omaggio al ventennale di “Microchip Emozionale”, il secondo disco che consacrò i Subsonica alla ribalta della musica nazionale, uscendo così dalle mura del capoluogo piemontese. Il gruppo, in occasione de “La mia generazione Festival”, è salito sul palco allestito al porto antico intorno alle 22. Poi sono stati 120 minuti di adrenalina pura per gli oltre 3mila fan accorsi da ogni parte delle Marche ed oltre. 

Sulla splendida cornice del porto anconetano, le luci dello spettacolo hanno illuminato le canzoni dell’ultimo album, partendo da “Bottiglie rotte”. Poi subito un salto nel passato, a quel secondo album da celebrare con la canzone “Disco labirinto”. A seguire l’omaggio alla musica di un grande come Franco Battiato con “Patriots to arms”, per poi tornare al passato con “Nuova ossessione” e ancora al passato recente con le ultime hit “Jolly roger”, “Fenice”, “Punto critico”. Ancora un assaggio di Microchip emozionale con “Liberi tutti”. La storia della band con “Diluvio”, “Lazzaro” e “Di un uomo morto”. 

Il passato é tornato prepotente e ha fatto ballare un porto in festa che, come aveva preannunciato anche l’assessore alla cultura Paolo Marasca, si scatena sulle note di “Sonde”, “Mio dj”, “Aurora sogna”, “Colpo di pistola”, “Depre”, “Lasciati”, “Cielo su Torino”, “Odore”, “Benzina Ogoshi”, “Strade”. Grand finale con i successi più amati: Nuvole rapide, Abitudine e Tutti i miei sbagli

Così i Subsonica, che lo scorso 9 febbraio avevano riempito il PalaPrometeo, hanno incoronato la notte bianca anconetana, con cui il capoluogo dorico è tornato a risplendere con altri eventi quali Miss Conero Fashion, la presentazione della squadra di calcio dell’Anconitana e negozi aperti tutta la notte. E non è finita perché “La mia generazione Festival” chiude stasera (domenica) alla Mole Vanvitelliana, che ospiterà il concerto della storica band milanese La Crus

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Nell'auto una spesa per più di mille euro, polizia chiede e loro danno risposte diverse

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Cade fuliggine dal cielo, residenti preoccupati: arriva l'Arpam per i controlli

  • Lite temeraria, condannata la palestra chiusa da 6 mesi: ipotesi class action per i clienti

Torna su
AnconaToday è in caricamento