Esplosione alla cooperativa, cisterna sequestrata: buone le condizioni dell'operaio

Intanto però resta da capire che cosa sia potuto succedere e a questo stanno lavorando gli operatori dell’Ispettorato del Lavoro dell’ASUR

I vigili del fuoco sul posto

Sta meglio l’operaio albanese di 48 anni rimasto ustionato giovedì scorso dopo essere stato investito dall’esplosione della cisterna a cui lavorava, nel piazzale della Cooperativa Autotrasporti CAF di via Fiumesino. Mentre gli inquirenti hanno posto sotto sequestro il mezzo pesante e la cisterna rotta, l’uomo è ricoverato nella Clinica di Dermatologia diretta dalla professoressa Anna Maria Offidani (foto in basso). E’ fuori pericolo e le ustioni di secondo grado stanno regredendo. A preoccupare anche le condizioni degli occhi, che però sembrano stazionarie e non in grave pericolo.

Intanto però resta da capire che cosa sia potuto succedere e a questo stanno lavorando gli operatori dell’Ispettorato del Lavoro dell’ASUR. Secondo alcuni testimoni, l’operaio era da solo sul dorso della cisterna e stava effettuando delle manovre quando i gas hanno squarciato il metallo, investendo l’albanese. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assiste all'esordio del figlio con l'Ascoli e poi si ricovera, la tenera lettera in ricordo di Roberto

  • Schianto terribile a Posatora, tenta di evitare un gatto e si ribalta: è grave

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • Vedere il figlio nel calcio professionistico, il sogno di papà Roberto si realizza prima di arrendersi alla malattia

  • Esce dal reparto di ortopedia e finisce direttamente al Pronto Soccorso

  • Le Marche dicono no al 5G, approvata la mozione dei Verdi: «Rischi per l'uomo»

Torna su
AnconaToday è in caricamento