Arriva il circo, subito multato e scatta la polemica: «Mozione del Consiglio non rispettata»

La polizia municipale avvia i controlli: due sanzioni per pubblicità non autorizzata. Si indaga sui permessi. Calcina, Cic: «Il sindaco ha ignorato l'impegno»

il circo arrivato a Falconara

Il Circo di Praga arriva in città e attorno ai tendoni è subito bufera. Politica, per una mozione del consiglio comunale mai recepita dalla giunta, e amministrativa nei confronti dei circensi ai quali la polizia municipale ha già elevato due sanzioni per aver fatto pubblicità senza averne i permessi. Con ordine. I tendoni in un terreno privato in via del Consorzio, dietro il Brico, sono già in piedi. Arrivata la carovana nella notte tra l'Epifania e lunedì, i circensi non hanno perso tempo. E per farsi notare meglio hanno anche affisso manifesti e fatto girare per la città un'autofonica. Dai controlli della Polizia Municipale è emerso che per entrambe queste situazioni non era stata fatta richiesta all'Ufficio Entrate, né pagata la relativa tassa e così sono scattate due sanzioni da circa 600 euro. Gli agenti stanno inoltre valutando se il Circo abbia presentato o meno domanda di attività temponea allo Sportello unico per le attività produttive, necessaria per gli ambulanti. Al momento il circo, come reso noto ufficialmente dal Comune, «non è autorizzato». Pare però che già lunedì sera, sotto il tendone, ci sia stato un primo spettacolo al quale hanno partecipato diversi spettatori provvisti di biglietto. In arrivo un'altra sanzione? Si vedrà. Mentre al Comando si indaga, la bagarre è anche politica. Già perché in teoria Falconara dovrebbe essere una città che vieta i circhi. Il condizionale è d'obbligo in quanto nonostante il voto all'unanimità del consiglio comunale nel maggio 2017, nel quale si impegnava il sindaco e la giunta a predisporre un provvedimento specifico, nessuno del governo ha fatto nulla. L'ex sindaco Brandoni, allora in carica, non ha mai portato l'argomento in giunta. All'attuale sindaco Stefania Signorini, fascia tricolore da luglio, la vicenda è sfuggita. E pensare che a presentare la mozione era stato addirittura un consigliere di maggioranza: Luca Cappanera, eletto con Uniti per Falconara nella scorsa legislatura e oggi nelle fila di Falconara in Movimento.

A sollevare la questione è stato Loris Calcina (Cittadini in Comune): «Come mai il Sindaco fa un’ordinanza per vietare i botti di capodanno a tutela anche degli animali domestici e, a distanza di oltre un anno e mezzo, non ottempera ad una Deliberazione del Consiglio comunale a tutela degli animali in cattività nei Circhi, vietando l’attendamento circense sul suolo comunale? - si è chiesto Loris Calcina - Pur all’opposizione la nostra consigliera votò favorevolmente la mozione proposta che passò all'unanimità. Se oggi, dopo un anno e mezzo, a Falconara è stato dato il permesso di attendarsi ad un circo che fa esibire anche gli animali, significa che quel doveroso impegno del 29 maggio 2017 è stato ignorato dalla Giunta Brandoni e, oggi, dalla Giunta Signorini». Non si è fatta attendere la replica del sindaco Signorini. «L'attività ciercense – spiega - con o senza animali, è un’attività legittima in base alle norme dello Stato e i Comuni non ne possono impedirne lo svolgimento. Gli enti locali che lo hanno fatto, per esempio il Comune di Bologna, hanno visto le loro disposizioni restrittive bocciate dai Tribunali amministrativi regionali, fatta eccezione per un provvedimento che aveva carattere temporaneo. Dopo l’approvazione della mozione del 29 maggio 2017 il Comune di Falconara ha atteso che il Governo desse attuazione alla riforma del codice degli spettacoli, annunciata nello stesso anno. Era infatti previsto un progressivo superamento dell’utilizzo degli animali per l’attività circense, ma i termini per l’approvazione della nuova normativa sono scaduti a fine dicembre senza che venisse emanata alcuna nuova disciplina in materia. Vogliamo comunque muoverci sul solco di quella mozione approvata nel 2017 e insieme alla Giunta ci impegniamo a valutare, nell’ambito della revisione del regolamento di polizia urbana, l’introduzione di una sezione per disciplinare gli spettacoli viaggianti in maniera più puntuale».

Potrebbe interessarti

  • La pausa ideale, dove gustare i migliori 10 caffè di Ancona

  • Scarafaggi in casa, la disinfestazione può aspettare: come liberarsene da soli

  • Estate 2019, tutte le informazioni per la vacanza perfetta a Portonovo

  • “Farai la fine del ca’ de Luzi”, il detto anconetano tra leggenda e verità

I più letti della settimana

  • Un caso di febbre Dengue ad Ancona, è allerta: scatta il piano di prevenzione

  • Terribile schianto in A14, traffico bloccato: un ferito in gravissime condizioni

  • Inferno in A14, colpa del cambio di carreggiata: 27enne in gravissime condizioni

  • Carambola da paura nella notte: 7 i coinvolti, due feriti gravi

  • Sms di addio agli amici, poi esce di casa per buttarsi dal Passetto: salvato dai carabinieri

  • Violento frontale al Vallone, donna gravissima: automobilista ubriaco fugge per campi

Torna su
AnconaToday è in caricamento