Ostra: venti cicogne “trovano casa” sulla Torre Civica

La torre civica del Comune di Ostra è diventata da martedì la casa di una ventina di esemplari di cicogna, che si sono fermati fra i merli dell'antico e splendido edificio del XVI secolo

La torre civica del Comune di Ostra è diventata da martedì la casa di una ventina di esemplari di cicogna, che si sono fermati fra i merli dell’antico e splendido edificio del XVI secolo, “un bellissimo evento che secondo le tradizioni popolari è segno di fortuna e prosperità e poi perché a memoria d’uomo in città non si è mai visto un’ evento simile”.

La cicogna è un uccello della famiglia delle Ciconiidae, gli esemplari di Ostra appartengono alla cicogna bianca che nidificava in Italia già dai tempi dei romani anche nella stessa Roma, costruendo i nidi sui cornicioni dei templi. Ricordata da Dante Alighieri, scomparve nel ‘600. Il ritorno spontaneo della specie viene registrato in Italia verso la fine degli anni ‘50 del Novecento e da allora c’è stato un lento e costante incremento della popolazione nidificante.

Il territorio anconetano in questa stagione è stata particolarmente fortunato in merito ad avvistamenti dei meravigliosi volatili tradizionalmente legati all’idea di maternità, avvistati anche a Montignano e sul fiume Musone.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Allarme meningite, maestra in gravi condizioni: scatta la profilassi a scuola

Torna su
AnconaToday è in caricamento