camerano: “varchi” di controllo dei flussi di traffico veicolare

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Ampliato l’attuale sistema di videosorveglianza con l’ausilio di nuovi dispositivi tecnologici, in linea con quanto concordato con la Prefettura di Ancona, attraverso il “Patto per l’attuazione della sicurezza urbana” che prevede strategie congiunte volte a migliorare la sicurezza generale dei cittadini. L’ampliamento è stato possibile a seguito dell’approvazione e al finanziamento di apposito progetto presentato al Ministero dell’Interno, ed è finalizzato a rafforzare le azioni di prevenzione e di contrasto dell’illegalità, in particolare per la prevenzione e il contrasto della criminalità diffusa e predatoria. Si tratta di un ulteriore e importante passo avanti nel progetto di dotare il Paese di un sistema di videosorveglianza innovativo che renderà certamente molto più efficace il lavoro di presidio e di contrasto di illeciti e mira ad un quadro di collaborazione e scambio informativo tra le Forze dell’Ordine e la Polizia locale. Dal punto di vista tecnologico e infrastrutturale si tratta di un sistema che prevede dei veri e propri “varchi” di controllo dei flussi di traffico veicolare, in entrata e uscita dal territorio Comunale, tramite l’utilizzo di spycam. Le videocamere di nuova generazione, ad alta definizione, oltre a generare un flusso di immagini, saranno in grado di visionare e leggere la targa delle vetture avvisando, in tempo reale, gli agenti su eventuali irregolarità (mancata polizza assicurativa o revisione) oltre ad essere impiegati in caso di auto segnalate (ad esempio per furti), per indagini o per statistiche. Tali congegni permetteranno l’integrazione dei flussi video e dati con i soggetti territoriali preposti alla sicurezza, permettendo l’apertura di sistemi legati a politiche generali di sicurezza pubblica e va nella direzione già discussa in più occasioni di collaborazione con i Comuni limitrofi per rendere il più possibile fruibile e organica un’eventuale infrastruttura condivisa. Assessore Polizia Locale Costantino Renato

Torna su
AnconaToday è in caricamento