Camerano: razionalizzazione spese telefonia mobile

Nei fatti sono stati valutati dei pacchetti con costi fissi che prevedono, ad esempio, chiamate illimitate

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Da alcuni anni è stato avviato un percorso di monitoraggio delle spese telefoniche che gravano sul bilancio Comunale. Le spese telefoniche generali (fisso + mobile) erano state oggetto di apposita verifica nel 2012, durante il quale erano state controllate tutte le utenze e riformulate le condizioni contrattuali, con il risultato che nell’anno successivo si era registrato un risparmio del 30%. Negli anni la spesa è rimasta pressoché invariata, anche se è emerso che dal 2013 al 2018 i costi totali della telefonia mobile hanno inciso, in media, più della metà della spesa totale della telefonia dedicata al Palazzo Comunale. Per quanto sopra si è proceduto nuovamente al controllo delle singole utenze, in collaborazione con i vari settori, per capirne l’effettivo utilizzo, considerando che alcune sim erano inutilizzate o sembravano non indispensabili. Il secondo passaggio è stato di ricercare nuove proposte per la riduzione dei costi unitari che ha portato alla stipula di un nuovo contratto con condizioni che dovrebbero essere sicuramente più vantaggiose per il Comune, sia per quanto riguarda le tariffe applicate sia per i servizi offerti.

Nei fatti sono stati valutati dei pacchetti con costi fissi che prevedono, ad esempio, chiamate illimitate “on net” alle utenze dell’Amministrazione Comunale e un numero predefinito di traffico vocale, messaggi e gbyte per la connessione dati. Terzo passaggio sarà quello di controllare in modo continuo la spesa, in relazione al corretto utilizzo delle apparecchiature date in dotazione e ai costi generati. A fine anno si verificherà se tale lavoro ha portato ad una reale diminuzione dei costi, a parità di servizio, o se devono essere effettuate ulteriori azioni per il contenimento della spesa. Eventuali risparmi derivanti da questa operazione saranno reinvestiti in tecnologia e sicurezza informatica.

Assessore Informatica Costantino Renato

Torna su
AnconaToday è in caricamento