Castelfidardo: liberati dal wwf 60 volatili di specie protette

Sono tornati a volare quasi tutti i Frosoni, i Verdoni, i Fringuelli e i Pettirossi liberati grazie al Nucleo Antibracconaggio del WWF di Ancona in collaborazione con la Polizia Provinciale

Il momento della liberazione (Foto GeaPress)

Sono tornati a volare quasi tutti i Frosoni, i Verdoni, i Fringuelli e i Pettirossi liberati grazie al Nucleo Antibracconaggio del WWF di Ancona in collaborazione con la Polizia Provinciale.
I volatili, circa sessanta – tutte specie protette dalla legge nazionale e da importanti disposizioni internazionali come la Convenzione di Berna –  erano stati prima catturati e poi detenuti illegalmente da un pensionato di Castelfidardo, cui sono state sequestrate anche sei trappole, di cui la metà già pronte all’uso.

Sempre domenica 26 febbraio, inoltre è stato denunciato un altro pensionato, stavolta di Ancona, che nei pressi del cimitero di Tavernelle cercava di catturare le volpi con l’ausilio di una trappola già armata in periodo di divieto di caccia e con l’uso di mezzi non consentiti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, altri 2 tamponi positivi: salgono a 3 i casi nelle Marche

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

Torna su
AnconaToday è in caricamento