Allarme formaldeide nelle classi, il sindaco ordina la chiusura del nuovo asilo

Preoccupazione per una cinquantina di famiglie, i bimbi hanno respirato la sostanza potenzialmente cancerogena per oltre un anno: valori doppi rispetto al limite di legge

L'asilo fatto chiudere per l'allarme formaldeide

Formaldeide a livelli intollerabili, il doppio rispetto al limite di legge: chiude un asilo di Sirolo. Il provvedimento è stato disposto da un’ordinanza del sindaco Filippo Moschella e riguarda la scuola dell’infanzia "Il Gabbiano”, ma anche l’adiacente centro di aggregazione giovanile. Il provvedimento è entrato in vigore ieri, giovedì 17 ottobre, ed è stato trasmesso alla dirigente dell’istituto comprensivo Giovanni Paolo II di Sirolo-Numana, la professoressa Annarita Durantini. 

Ora è forte la preoccupazione di una cinquantina di famiglie che, di punto in bianco, si trovano senza la possibilità di mandare i loro figli all’asilo e con la paura che la formaldeide, sostanza considerata cancerogena dallo Iarc (Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro) possa provocare danni nei piccoli che l’hanno respirata per oltre un anno. E’ stata proprio una mamma, insospettita dall’odore pungente che si avvertiva nell'asilo inaugurato nel settembre 2018, a dare il la alle indagini. Odore che impregnava perfino i capelli e i vestiti dei bambini quando tornavano a casa. Dalle prime analisi, però, il problema non è emerso, fino a che ad agosto il Comune di Sirolo, visto l’imminente inizio dell’anno scolastico e la persistenza delle esalazioni provenienti dai pavimenti e dai rivestimenti di tipo vinilico, non ha richiesto all’Arpam un secondo monitoraggio, esteso non solo ai composti organici volatili (Cov), ma anche alla rilevazione della formaldeide, non misurata nella precedente verifica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 10 ottobre l’Arpam ha trasmesso gli esiti del monitoraggio, dal quale è emerso che nell’aula verde della scuola dell’infanzia è stato rilevato un valore di formaldeide superiore al doppio rispetto al limite massimo di esposizione stabilito dal Ministero della Sanità (257 microgrammi per metro cubo rispetto al limite di 124). Di qui la scelta, da parte del sindaco Filippo Moschella, di chiudere l’asilo a un mese dall’inizio dell’anno scolastico: ora il Comune è impegnato a trovare una soluzione alternativa per garantire a tutti i bambini il diritto alla scuola. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare, mamma e papà ricoverati: bimbo di 5 anni resta completamente solo

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Contagi nelle Marche, trend in aumento: ad Ascoli si fanno più tamponi

  • Ambulanze in fila, il Pronto soccorso scoppia: a Torrette esauriti i posti letto per i Covid

  • Evitare il contagio durante la spesa, tutte le indicazioni dell'Istituto Superiore di Sanità

  • Il Coronavirus blocca anche il paradiso: Italo, il "survivor" solitario che vive di pesca e cocco

Torna su
AnconaToday è in caricamento