Fermati in auto con arnesi da scasso: denunciati due giovani

La coppia si aggirava per il lungomare a bassa velocità. La polizia si è insospettita e ha fatto scattare il controllo

gli arnesi sequestrati

Due giovani fermati in auto per un controllo. Nell'abitacolo arnesi da scasso. Entrambi sono stati denunciati e sottoposti a foglio di via con divieto di tornare a Senigallia per tre anni. Continua l'attività del commissariato di polizia per contrastare i furti in abitazione.

L'episodio è avvenuto nella notte sul lungomare Mameli. La pattuglia in servizio ha notato un'auto viaggiare a bassa velocità e poi immettersi in una strada laterale. Gli agenti hanno deciso di raggiungere l'auto e fermarla. A bordo c'erano due albanesi di 21 e 20 anni che sostenevano di cercare un amico. Nel controllo del veicolo sono stati trovati un piede di porco, una chiave e una pinza. I poliziotti , ritenendo che gli stessi oggetti potessero essere utilizzati per la commissione di furti su abitazioni o aziende, hanno deciso di denunciare gli albanesi e di sequestrare gli attrezzi.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    L'esplosione della caldaia lo investe in pieno, operaio lotta tra la vita e la morte

  • Attualità

    La bici, volano di turismo e commercio: nelle Marche affari per 111 milioni euro annui

  • Ristoranti

    Stasera sushi? I 7 migliori ristoranti dove gustarlo ad Ancona

  • Politica

    Tutti insieme per difendere le donne, istituito il tavolo per le statistiche di genere

I più letti della settimana

  • Tragedia al parco, giovane trovato senza vita appoggiato ad un albero

  • Era scomparsa da oltre un giorno, trovata nella sua auto: è grave

  • Il mostro che combatteva lo ha sconfitto, Alessandro è morto

  • La spiaggia delle Due Sorelle è la più bella d'Italia: lo dice Skyscanner

  • Trovata riversa in casa, Angela è morta per una grave emorragia

  • Aggredita mentre dà ripetizioni ad una bambina, la mamma la colpisce con un pugno

Torna su
AnconaToday è in caricamento