Il 1° novembre aperto il rifugio delle carceri, si cambia la targa: le vittime "oltre 700"

Alle 11,30 in programma la cerimonia di commemorazione dei caduti inseguito alla devastante incursione del 1° novembre 1943. Sarà possibile visitare anche il "tunnel della morte", riaperto nel 2013

ANCONA - Domenica 1° novembre, nell'ambito delle celebrazioni di Ognissanti, sarà possibile visitare, o ri-visitare, il rifugio delle carceri, dove - ora è ufficiale - morirono non "oltre 300" ma "oltre 700" persone.

Alle 11,30 sarà in programma la cerimonia di commemorazione dei caduti dell'ex rifugio delle carceri in seguito alla devastante incursione del 1° novembre 1943. Saranno presenti il Sindaco e varie associazioni e sarà sostituita la vecchia targa (quella che indica la cifra di "oltre 300 morti"), con la nuova, aggiornata in seguito alle ricerche svolte negli ultimi anni che indicano un bilancio di vittime assai più grave.

Quindi, grazie alla disponibilità della Soprintendenza, sarà possibile visitare il "tunnel della morte", riaperto in occasione del trekking del 2013. Nell'ex rifugio sono sistemati, tra l'altro, preziosi mosaici romani.



 

Potrebbe interessarti

  • L’extra lusso fa tappa ad Ancona, in porto c'è il "Pelorus": è l'ex yacht di Abramovich

  • "Viagra naturale" e fonte di vitamine, ma il peperoncino può anche far male

  • Quando il freddo rovina il gusto: i cibi da tenere fuori dalla portata...del frigo

  • Il barbecue perfetto è quello fai da te: come costruirlo in poche mosse

I più letti della settimana

  • Malore in galleria, sbanda e si schianta contro un'altra auto: atterra l'eliambulanza

  • L’extra lusso fa tappa ad Ancona, in porto c'è il "Pelorus": è l'ex yacht di Abramovich

  • Malore fatale in auto, choc davanti al supermercato: Pietro non ce l'ha fatta

  • Cade dal tetto della sua azienda, Claudio ha lottato ma non ce l'ha fatta

  • Panico in città, crolla un solaio: soccorsi al lavoro per cercare persone sotto le macerie

  • Calci e pugni contro la compagna e la figlia: arrestato dopo il raptus di gelosia

Torna su
AnconaToday è in caricamento