Cani, cardi e vecchi giochi: sul parco triste tira aria di restyling

I residenti denunciano la situazione sempre più degradata di quella che un tempo era un’oasi per bambini. Il Comune annuncia i primi interventi a breve termine

Il parco di via Zazzini a Collemarino

Il verde c’è, anche troppo. Di bambini neanche l’ombra, i cani invece si vedono ancora con tanto di padrone che li porta a bere nella fontanella del parco pubblico nonostante il divieto ben visibile all’ingresso. Il parco di via Zazzini a Collemarino langue tra le erbacce che arrivano alle ginocchia, staccionate danneggiate e una manciata di giochi per bambini (GUARDA IL VIDEO).

Cani e cardi

L’incuria del parco era già stata segnalata alla nostra redazione da un residente, Giorgio Massaccesi, lo scorso aprile. Allora il problema erano i proprietari dei cani che, nonostante il cartello di divieto, portavano i loro amici a quattro zampe a correre e giocare nell’area verde. Gli animali sono stati più volte visti salire sul cavallo a dondolo come sulle altalene e non di rado hanno sbrigato proprio nel parco i bisogni fisiologici. «Il problema dei cani c’è ancora» spiega Massaccesi, la cui attenzione adesso è però focalizzata sulle erbacce che divorano l'area. I cardi arrivano alle ginocchia e si sono impadroniti di tutta l’area giochi: «C’è qualche sentiero che va da un gioco all’altro ma è stato aperto da qualche privato, io stesso una volta ho tagliato l’erba accanto alle panchine ma poi è ricresciuta. Qualche volta ho trovato degli istrici, serpenti per ora non ne abbiamo trovati ma la paura c’è». La vegetazione incolta è solo uno dei problemi in cui versa il parco. L’altro riguarda proprio i giochi. Ci sono un cavallo a dondolo, una doppia altalena e due porte da calcio senza reti. Le altre attrazioni sono state rimosse un paio di anni fa perché erano danneggiate e di quelle nuove non c’è ancora nessuna traccia: «Ci sono una trentina di bambini che vivono in questa zona e non possono usare questo parco. Finché c’era la circoscrizione era tenuto molto bene, ora è abbandonato» conclude Massaccesi. Rispetto all’ultima segnalazione va invece registrata la rimozione della pianta pericolante sul retro del parco che fino ad alcune settimane fa era tenuta in piedi da una tavola in legno. 

Le erbacce hanno i giorni contati

Dal Comune arrivano buone notizie, quantomeno per lo sfalcio dell’erba. «Martedì scorso abbiamo sistemato il Parco degli Ulivi e stiamo operando proprio nella zona di Collemarino, nel giro di pochi giorni taglieremo l’erba anche in via Zazzini così come abbiamo già fatto per otto parchi finora» ha spiegato l’assessore comunale all’Urbanistica e Manutenzioni, Stefano Foresi. Diverso il discorso per l’installazione dei nuovi giochi: «Nel nuovo bilancio ci sono anche i fondi per il rinnovamento dei giochi e ne installeremo di nuovi anche li, solo che ancora non posso sbilanciarmi sulle tempistiche» ha concluso Foresi. Nella segnalazione dello scorso aprile veniva denunciato il degrado anche del vicino parco di via Celli. L’area è stata sistemata con un nuovo scivolo e una nuova pavimentazione. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Giorgio attore con la valigia: «Qui il teatro è morto, aiuterò i bambini in Polonia»

  • Incidenti stradali

    Contromano a folle velocità, poi carambola contro un'auto e si ribalta

  • Cronaca

    Hiv, la Procura: «Condannate l'untore a 18 anni di reclusione»

  • Cronaca

    Pensionato aggredito, il rapinatore lo colpisce e gli ruba il portafogli

I più letti della settimana

  • Torna la paura, un forte terremoto scuote il Centro Italia

  • Controlli in tutta la città, denunciato un giovane trovato con 1 grammo di hashish

  • Luoghi e miti del Conero, le 10 leggende più affascinanti della riviera

  • Minorenni adescate e violentate per girare film hard

  • La madre entra in camera per svegliarla, Beatrice è morta nel sonno

  • "Sindaco e comandante allergiche alla polizia giudiziaria": scontro frontale nella Municipale

Torna su
AnconaToday è in caricamento