"No tax day", Forza Italia scende in piazza il 29-30 novembre contro la tassazione sulla prima casa

Il 16 dicembre "martedì nero" per gli anconetani: le seconde rate di Tari, Tasi e Imu, si pagheranno in un'unica soluzione. "Berardinelli: Le tredicesime saranno prosciugate e chi non ce l'ha avrà grandi difficoltà". A rischio le spese per il Natale

Martedì 16 dicembre sarà ricordato dagli anconetani come "il martedì nero". Scadono proprio in quella data, le seconde rate della Tasi, Tari e Imu. Si pagheranno quindi in un'unica soluzione, tasse che precedentemente erano state pagate in più tranche: l'Imu e la Tari il 16 giugno, la Tasi il 16 settembre.

«Ho grande preoccupazione. Coloro che hanno la fortuna di avere la tredicesima, la prosciugheranno per pagare le tasse, chi invece non ce l'ha perché ha perso il posto di lavoro o è un libero professionista potrebbe trovarsi in seria difficoltà. Non vorrei che questo pagamento in un'unica soluzione possa essere la goccia che fa traboccare il vaso e che fa chiudere le attività. Senza considerare che ciò comporterà una contrazione delle spese per il Natale- commenta Daniele Berardinelli, consigliere comunale Forza Italia-. Ad Ancona inoltre, è stata fatta la scelta scellerata di non legare alcune tasse, la Tasi, al reddito ISEE. Sempre per la Tasi non sono previsti sgravi fiscali per le famiglie numerose. Le aliquote e gli sgravi sono già stati fissati, bisognerà potenziare i servizi sociali che dovranno aiutare le famiglie in difficoltà».

I cittadini sono arrabbiati. Non solo si trovano a dover pagare tasse elevate ma a questo non corrisponde un miglioramento dei servizi. Basti pensare a quanto sia peggiorata la situazione dei rifiuti  o alla manutenzione delle strade. Alcuni cittadini hanno dovuto rimboccarsi le maniche e fare pulizia da soli come nel caso della pista di pattinaggio presa in gestione dai ragazzi di A2O.

«Per il prossimo anno aliquote sono già aumentate, il Comune dovrebbe mettere mano al bilancio e tenere in seria considerazione le difficoltà economiche dei cittadini anconetani- afferma Berardinelli-. Tanti altri Comuni hanno applicato aliquote più basse e detrazioni ritagliate sulla nuova situazione economica reale, mentre ad Ancona è stata fatta solo la scelta di incassare il più possibile spremendo al massimo i cittadini, con la contraddizione che alcuni servizi pagati con questi soldi sono scadenti».  

Il 29 e il 30 novembre Forza Italia organizza il No Tax Day sulla casa. Ci sarà un gazebo piazza Roma dalle 10 alle 12. 30 e il pomeriggio dalle 17 alle 20.30. «La manifestazione si svolgerà in tutta Italia per dire no alla tassazione sulla prima casa. La casa da bene utile per un investimento diventa un peso per i cittadini che devono pagarci le tasse  e non riescono a liberarsene perché il mercato è crollato» dichiara Antonella Andreoli - Forza Italia Ancona.

Potrebbe interessarti

  • La pausa ideale, dove gustare i migliori 10 caffè di Ancona

  • Scarafaggi in casa, la disinfestazione può aspettare: come liberarsene da soli

  • “Farai la fine del ca’ de Luzi”, il detto anconetano tra leggenda e verità

  • Estate 2019, tutte le informazioni per la vacanza perfetta a Portonovo

I più letti della settimana

  • Un caso di febbre Dengue ad Ancona, è allerta: scatta il piano di prevenzione

  • Terribile schianto in A14, traffico bloccato: un ferito in gravissime condizioni

  • Inferno in A14, colpa del cambio di carreggiata: 27enne in gravissime condizioni

  • Carambola da paura nella notte: 7 i coinvolti, due feriti gravi

  • Sms di addio agli amici, poi esce di casa per buttarsi dal Passetto: salvato dai carabinieri

  • Violento frontale al Vallone, donna gravissima: automobilista ubriaco fugge per campi

Torna su
AnconaToday è in caricamento