Fiera, raffica di furti alle bancarelle nella notte: «I ladri? Ad Ancona è sempre così»

San Ciriaco amaro per gli ambulanti del Viale della Vittoria colpiti nella notte da ignoti. Tra merce sparita, danni e proteste

La bancarella di Giancarlo Ranocchi

Dolciumi, cover per cellulari, portafogli e danni alle strutture. Un San Ciriaco davvero amaro per gli ambulanti della fiera. Soprattutto quelli del viale della Vittoria che questa mattina, giovedì 4 maggio, giorno del Patrono, all'apertura si sono accorti di furti o, nel migliore dei casi, intrusioni avvenute nella notte. Nel mirino delle critiche il Comune e in generale il sistema sicurezza. «Per i soldi che paghiamo non è possibile che accadono queste cose» dice Michele Gammino che, arrivato da Foggia, vende vestiti e borse. «Il Comune che deve prendere atto che deve ridurre i costi perché noi già affrontiamo la crisi e i chilometri per venire qui e non possiamo trovarci di fronte a queste sorprese» aggiunge. Sempre al viale c'è Giuseppe Matarrocchia, da Campobasso, ha uno stand di prodotti per la casa e la pulizia. La notte scorsa gli sono stati rubati tappeti autopulenti per un valore di circa 150 euro. «Questa mattina mi sono ritrovata un paio di pinze sul telo - racconta Francesca Angela Ferreri, di Urbino - e mi ha preso un colpo perché ho temuto subito a un furto ma fortunatamente non mi hanno rubato nulla». Alla bancarella Eden Affari hanno aperto il gazebo e portato via un centinaio di cover per un danno di circa 1.000 euro. «Non ho denunciato e ho preferito sistemare il banco per non perdere tempo - ha detto amareggiato il titolare Giancarlo Ranocchi -  Se devo andare due ore in caserma per fare una denuncia contro ignoti per poi sapere come va a finire lascio perdere, ormai il gioco di venire qui non vale la candela».

Marco Giannattasio, invece, viene da Roma e ha una bancarella nei pressi del Passetto dove vendere cover di cellulari. «Non è la prima volta ad Ancona - spiega - è successo già negli anni scorsi. Stanotte mi hanno rubato qualche occhiale, cuffie e cover. Niente di grave, un danno da poche decine di euro, ma quando veniamo ad Ancona lo teniamo in conto. Giriamo l'Italia ma succede solo qui». Furti registrati anche da Dolcimania, stand di dolciumi il cui titolare, Antonio Piccirillo, arriva da Cesena. Qui hanno rubato solo qualche croccante ma hanno fatto danni a una bilancia per 700 euro. Al suo fianco, c'è un ambulante pakistano che vende cover e portafogli di pelle, lui parla poco italiano ma ci ha fattocapire come stanotte gli sia stata sottratta merce per circa 500 euro. «Ancona è una delle città più gettonate per i furti nella fiera - ci dice Chiara Margarito che da Bastia Umbra, è arrivata nel capoluogo con il suo stand di prodotti dolciari - non so perché ma qui è così. Ogni volta che si viene a San Ciriaco ce lo aspettiamo e si fa fatica a stare tranquilli». A lei sono sparite piastre elettriche, caramelle, dolci e tutti i pistacchi. Non mancano i tentativi non riusciti. A un ambulante hanno tentato di forzare il furgone. Al netto dei furti giornalieri durante lo svolgimento della Fiera nonostante i dispositivi di sicurezza di polizia, municipale e carabinieri che, anche in borghese, pattugliano la manifestazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento