Conduttura ko e fiume in strada, acqua in negozi e case: «Ci siamo spaventati»

Il guasto della conduttura idrica e il torrente che si è formato di conseguenza non ha risparmiato alcuni negozi del centro e qualche abitazione come quella di una donna anziana

L'allagamento in via Montebello

L’esplosione della vecchia conduttura idrica a via Montebello non ha creato disagi solo al traffico. Il torrente di acqua e fango (GUARDA IL VIDEO) che ha invaso anche via Simeoni e via San Martino ha creato piccoli o grandi problemi anche ad alcune attività commerciali. 

Mehdi Aghanpour è titolare della pizzeria che si trova lungo la scalinata di ingresso al multisala Goldoni e ha dovuto eliminare con una bacinella l’acqua che ha invaso la cucina e il magazzino. Danni? Non ancora quantificati: «E’ entrata tanta acqua in magazzino e abbiamo perso molto tempo a pulire, praticamente tutta la mattinata- racconta il piazzaiolo- ho tolto quattro o cinque bacinelle grosse di acqua e fango. Io ero nel supermercato a fare spesa e quando sono rientrato ho trovato magazzino e cucina pieni di acqua. Ho dovuto buttare diversi cartoni ma non abbiamo ancora avuto tempo di controllare meglio. Non c’erano clienti fortunatamente perché non avevamo ancora aperto». Disagi anche per il personale dell’agenzia C.M viaggi di via Carlo Simeoni. A parlare è la dipendente Marta Bini: «Chi voleva entrare ha avuto dei problemi, avevamo un fornitore che stava arrivando e non è riuscito a entrare. Noi invece non riuscivamo ad uscire e siamo rimasti bloccati qua. Non si poteva attraversare e non si capiva neppure se era acqua o altro. C’erano nonnine con la spesa che non riuscivano ad attraversare. Ci siamo spaventati». Il torrente ha lambito anche il negozio Accesorize di Claudia De Rentis: «Facevamo le vetrine quando è arrivato giù tutto il fango, ora vedo anche i sassi. Una mezz’oretta prima che si fermasse tutto è trascorsa anche se qui l’acqua per fortuna non è entrata». 

Disagi anche in qualche abitazione come quella di Adria Agostinelli, che ha provato ad allontanare con una scopa l’acqua che scorreva davanti casa sua: «Ho cercato di tirarne su il più possibile ma l’acqua era potente, se continuava così avrei avuto seri danni. Qui non ha avvisato nessuno anche perché nessuno poteva passare».  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento