Nell'auto di lusso nascondono prosciutti e lonze rubate, denunciati

Gli agenti hanno subito notato che la ruota di scorta era stata riposta in maniera anomala e sollevato il tappetino hanno scoperto che lì sotto si celava una vera e propria scorta di cibo e di prodotti per la pulizia

Immagini della refurtiva

ANCONA - Vengono sorpresi a bordo di un'auto di lusso mentre nascondono una enorme quantità di prodotti alimentari appena rubati in sei supermercati cittadini.

Ieri pomeriggio, poco dopo le 14.00, gli agenti di Polizia hanno incrociato in via Marconi un’auto di lusso di grossa cilindrata, con targa straniera che marciava a bassa velocità. Gli occupanti, tre uomini e una donna, sembravano osservare attentamente, attraverso i finestrini, l’intera zona ed i fabbricati. Insospettiti dal comportamento, i poliziotti si sono messi sulle tracce del veicolo, mentre il conducente, accortosi della Polizia, con una sgommata, ha cercato di allontanarsi e di far perdere le proprie tracce.

Bloccati, i quattro individui sono stati identificati: tutti di nazionalità rumena, senza fissa dimora in Italia, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e la persona, di età compresa tra i 35 e i 42 anni.

Visto il loro atteggiamento agitato e poco collaborativo, gli agenti li hanno invitati ad aprire il vano portabagagli dell’auto. Gli agenti hanno subito notato che la ruota di scorta era stata riposta in maniera anomala e sollevato il tappetino hanno scoperto che lì sotto si celava una vera e propria scorta di cibo e di prodotti per la pulizia:  sette prosciutti, di una nota fabbrica emiliana, otto tranci di lonza, varie salsicce essiccate, due confezioni di formaggio tipo “Feta”, cinque bottiglie di whisky, diciotto confezioni di crema per il viso di una nota marca e poi deodoranti, schiuma da barba, bagnoschiuma, tubetti di gel per capelli per un valore di centinaia di euro.

Nascosta tra la merce, occultata tra alcune sacche in tela, è stata trovata anche una tronchesina della lunghezza di 10 cm, solitamente utilizzata dai ladri per privare i prodotti dei dispositivi antitaccheggio. Interrogati sulla merce e soprattutto chieste le spiegazioni di perché quella ingente spesa era stata nascosta in quel vano del veicolo, i quattro uomini si sono limitati a mostrare sei scontrini fiscali di altrettanti supermercati cittadini riportanti ognuno, però, una spesa che andava da 40 a 99 centesimi. Le indagini hanno rivelato, infatti, che i quattro malviventi si erano recati nella mattinata nei sei supermercati e, dopo aver trafugato i prodotti, si erano recati alle casse limitandosi a pagare una bottiglietta di te o una confezione di latte.

Accompagnati negli Uffici della Questura, tutti e quattro sono stati deferiti all’Autorità competente per il reato di furto aggravato in concorso. La merce, invece, è stata riconsegnata ai legittimi proprietari

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento