Anci e Ics insieme per sostenere lo sport nei comuni

«100 milioni di euro di mutui a tasso zero per gli anni 2018 e 2019 e 50 milioni per le piste ciclopedonali oltre allo strumento dello SportBonus sono un’opportunità» ha detto Mangialardi

Maurizio Mangialardi con Eduardo Gugliott

Si è tenuto ad Ancona un incontro organizzato da Anci Marche ed Istituto Credito Sportivo dedicato all’impiantistica sportiva. «100 milioni di euro di mutui a tasso zero per gli anni 2018 e 2019 e 50 milioni per le piste ciclopedonali oltre allo strumento dello SportBonus sono un’opportunità che i comuni non possono e non devono perdere» ha detto il Presidente Mangialardi introducendo i lavori ai quali hanno partecipato: Eduardo Gugliotta, Responsabile Supporto Commerciale e Marketing dell’ICS, Fabio Luna Presidente del Coni Marche, Fabio Sturani in rappresentanza della giunta regionale e Chiara Spinato che ha fatto le veci dell’On. Roberto Pella, vicepresidente vicario ANCI delegato Sport, Salute, Politiche Giovanili.

L’occasione è stata utile per i molti sindaci ed assessori allo sport presenti, per l'illustrazione del Report sui dati del Bando "Sport Missione Comune" (2016 e 2017) e, dei prodotti in essere di finanziamento a tasso zero per i Comuni in ambito sport (“Comuni in Pista”, “Sport Missione Comune”, Progetto Biogolf) / edilizia scolastica a servizio dello sport / cultura, attraverso finanziamenti a supporto di progetti Art Bonus. «I numeri sono significativi – ha aggiunto Mangialardi – e l’obiettivo è valorizzare il notevole patrimonio di strutture pubbliche esistenti anche nelle Marche cogliendo le opportunità offerte dai vari bandi grazie all’attenzione che la Regione Marche sta mettendo a questo voce e la collaborazione con ICS e Coni». «I fondi disponibili attraverso i bandi a tasso zero – ha aggiunto Fabio Sturani – trovano spazi rispetto al patto di stabilità al quale i comuni sono vincolati. La Regione Marche sta anche portando avanti una rete ciclopedonale che prevedrà alcuni ciclodromi, uno per provincia, che consenta di praticare questo sport in piena sicurezza considerando i pericoli della strada. L’Ics è l’unica banca pubblica rimasta in Italia. Tra i dati più significativi ci sono i 44 interventi dei Comuni e 18 di società sportive per riqualificare gli impianti in gestione».

«La sinergia è forte in questa regione – ha aggiunto Fabio Luna, Presidente del Coni Marche – ed il governo ha destinato 100 milioni al Coni da assegnare mediante bandi alle regioni. Le Marche hanno beneficiato di 14 interventi, 4’ regione in Italia per numero di interventi finanziati. Inoltre a seguito del sisma, abbiamo incaricato dei tecnici di Coni Servizi di censire gli impianti negli 87 comuni del cratere per valutarne le condizioni”. L’importanza della sinergia è stata ribadita da Chiara Spinato per conto di Roberto Pella, vicepresidente vicario ANCI delegato Sport, Salute, Politiche Giovanili che ha sottolineato l’impegno dell’Anci e la virtuosità del percorso istituzionale in atto nelle Marche”. Eduardo Gugliotta, Responsabile Supporto Commerciale e. Marketing dell’ICS ha ribadito la mission dell’Ics e la disponibilità a fornire ai sindaci ogni chiarimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiuso nel balcone mentre la compagna fa sesso, è lui ad essere denunciato

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • Scopre l'amante, scoppia la bagarre in strada: sviene dopo le botte del marito

  • Va al Salesi per partorire ma la bimba muore: aperta un'inchiesta

  • Accosta la macchina e perde i sensi, soccorsi inutili: morto un automobilista

Torna su
AnconaToday è in caricamento