«Sfera Ebbasta fa schifo ma non è da colpevolizzare. I genitori? Facile prendersela con loro»

Secondo Alessandro Meluzzi, noto psichiatra e criminologo il cantante è simbolo di tempi bui. Il sintomo, non la malattia, di una società alla deriva che va ripensata dalle fondamenta

Alessandro Meluzzi

I genitori? Come sparare sulla Croce Rossa. Sfera Ebbasta? Un niente, simbolo dei tempi da non colpevolizzare. E il pericolo baby gang che unisce Corinaldo, questa al momento la pista investigativa dei carabinieri, ai fatti di piazza San Carlo a Torino “e ad altre decine di episodi: rapine, furti, scippi in tutta la Penisola utilizzando spray urticante ad opera di baby gang composte prevalentemente da stranieri che si muovono in un terreno di marginalità deviante”. A parlare è lo psichiatra e criminologo Alessandro Meluzzi con il quale, anche seguendo i commenti arrivati in redazione e i dibattiti sui social, e al di là di quella che saranno gli esiti giudiziari della tragica notte della Lanterna Azzurra, abbiamo voluto fare il punto della situazione.

Da strumento di difesa personale ad arma per delinquere, lo spray al peperoncino andrebbe vietato? «Macchè! Lo spray è necessario per la difesa delle donne dalle aggressioni. Pensare di proibirlo sarebbe come vietare i coltelli da cucina perché anziché essere utilizzati per tagliare il pane o la carne diventano strumento per i femminicidi».

Su quanto avvenuto a Corinaldo molti hanno criticato i genitori che hanno permesso il concerto a figli così giovani o che addirittura ce li hanno accompagnati. Lo stesso Crepet sostiene si dicano troppi sì. È così? «Prendersela con i genitori è troppo facile. È vero che hanno una tenuta educativa inferiore rispetto ai genitori di due generazioni fa ma è anche vero che si trovano a dover educare ragazzini nei quali prevale la logica del “mi va” o “non mi va”, che hanno tutto, che non hanno doveri ma solo diritti acquisiti. Non li educa la scuola e fa grande fatica la famiglia spesso nata da sessantottini oggi 68enne, 40enni pieni di fragilità, genitori spinti a dire troppi sì per evitare un conflitto».

C’è anche ci si è scagliato contro Sfera Ebbasta, il suo personaggio, i suoi testi. «A me fa schifo ma io ho 63 anni e non penso sia da colpevolizzare. La verità è che oggi abbiamo una generazione che è cresciuta in un grande vuoto culturale, a Nutella e social network, dove diventa simbolo o modello chi accumula tanti like, che ha più follower. Chiunque sia famoso per il fatto di essere famoso. Detto questo è pure vero che “eroi” negativi ne abbiamo sempre avuti: i Rolling Stone si drogavano ma hanno anche scritto belle canzoni».

E come se ne esce? «Viviamo in uno stato confusionale collettivo, in un mondo dove tutto è uguale a tutto, dove lo spacciatore viene giustificato per le sue condizioni sociali o dove viene colpevolizzato il carabinieri che spara al ladro. Dove il professore che dà un brutto voto a scuola viene preso a pugni o dove il genitore severo viene visto in maniera negativa. C’è bisogno di una grande rivolta di civiltà da parte di tutte le forze positive del Paese chiamate a ridare modelli di valori alla nostra società».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Malore alla guida in A14, poi l'incidente: 48enne ricoverato in gravi condizioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento