«Dammi da bere». Poi le strappa di mano la bottiglia, la spacca e tenta di aggredirla

Questa mattina il giudice ha disposto il divieto di dimora in tutta la provincia, in attesa della prossima udienza dibattimentale

Foto di repertorio

Prima le chiedere da bere e al rifiuto, le strappa di mano la bottiglia e la spacca in terra. Paura ieri sera per una donna agitata che, intorno alle 22,30, ha chiamato il 113 per un intervento in piazza Pertini. Lei, mentre si trovava nei pressi del bar, è stata avvicinata da un giovane il quale le chiedeva insistentemente di poter bere un po' di vodka dalla sua bottiglia. Al rifiuto, ha preso la bottiglia nelle sue mani e l'ha scaraventandola a terra, mandandola in frantumi ed aggredendo poi la donna che veniva difesa da alcuni presenti.

Il giovane è stato poi rintracciato poco dopo nella piazza ed identificato. Si tratta di un 22enne slovacco conosciuto dalle Forze di Polizia e senza fissa dimora il quale, in evidente stato di ebbrezza, ha manifestato subito una chiara insofferenza al controllo di Polizia. E infatti è partito con una serie di insulti agli agenti, mentre si rifiutava di consegnare i documenti. Poi ha tentato di colpire i polisiotti con calci e pugni, ma è stato fermato, ammanettato ed arrestato per resistenza ed a pubblico ufficiale e violenza privata. Questa mattina il giudice ha disposto il divieto di dimora in tutta la provincia, in attesa della prossima udienza dibattimentale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto corruzione in Comune, arrestati 4 imprenditori e indagati 4 assessori

  • Terremoto al Comune di Ancona, corruzione e clientelismo: serie di arresti e indagati

  • E' un colosso del bricolage e fai-da-te, ad Ancona arriva Leroy Merlin: 100 assunzioni

  • Choc nel Comune di Ancona, arresti ed indagati: sono oltre 30 le persone coinvolte

  • Terremoto in Comune, la Mancinelli: «Sono preoccupata ma ora calma e gesso»

  • Tragedia in strada, travolto da un'auto mentre attraversa: ciclista morto sul colpo

Torna su
AnconaToday è in caricamento