Aeroporto di Falconara, Confartigianato: «Chiuderlo sarebbe una grave perdita»

Inoltre l'Aeroporto, secondo Confartigianato Imprese, va visto come una infrastruttura che non vede solo l'impegno degli occupati diretti, ma anche tutto l'indotto dal trasporto

Valdimiro Belvederesi presidente di Confartigianato Imprese Ancona - Pesaro e Urbino invita tutte la parti coinvolte nel futuro dell'Aerdorica ad uno sforzo congiunto per salvare una infrastruttura strategia per lo sviluppo della regione Marche. Confartigianato ha chiesto uno sforzo alle OOSS, al Cda ed al socio di maggioranza cioè la Regione Marche ha ricercare senza indugio una intesa fra le parti ed a lavorare per il futuro dell'Aeroporto. «Tramite l'Aeroporto è possibile collegarsi velocemente in Europa e nel Mondo ciò vale sia per la mobilità delle persone che delle merci - ha affermato la Confartigianato -  Il nostro sistema produttivo oggi più che mai ha bisogno di collegamenti veloci sia per le relazioni commerciali che per collocare le merci nei diversi paesi europei e nei continenti. Merci che nel caso del trasporto aereo sono di grandi qualità e valori, quindi una penalizzazione per le Marche inaccettabile.»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre l'Aeroporto, secondo Confartigianato Imprese, va visto come una infrastruttura che non vede solo l'impegno degli occupati diretti, ma anche tutto l'indotto dal trasporto, persone e merci, ai servizi ed alle forniture. Quindi un complesso di occupazione e di prospettive rilevanti e dopo la chiusura di Rimini rimangono per le Marche, nel caso di fallimento dell'Aerdorica, i collegamenti di Pescara, Perugia e Bologna quindi percorrenze non indifferenti e costi in termini di denaro e tempo ancora maggiori per i collegamenti che faranno sicuramente arretrare la nostra economia produttiva e turistica. In questo contesto Confartigianato ha invitato nuovamente tutte le parti ad attuare iniziative di grande "buon senso" superando gli egoismi e puntando ad un piano industriale credibile che permetta con una gestione oculata di individuare nel breve termine un partner forte che possa permettere sia il risanamento dell'Aerdorica che lo sviluppo del traffico aereo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare, mamma e papà ricoverati: bimbo di 5 anni resta completamente solo

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Il Coronavirus blocca anche il paradiso: Italo, il "survivor" solitario che vive di pesca e cocco

  • Una passeggiata da 400 euro, primo pedone "fuori quartiere" multato dalla polizia

  • Storico macellaio e uomo generoso, Furio è morto di Covid: «Il tampone fatto troppo tardi»

  • Il rubinetto diventa flussimetro per respiratori, l'invenzione dei cardiologi in un tutorial

Torna su
AnconaToday è in caricamento