Ristrutturare casa: trucchi e segreti per scegliere l’impresa migliore

Una piccola guida per selezionare una ditta professionale e competitiva

“La logica vi porterà da A a B, l’immaginazione vi porterà dappertutto”. Le parole di Albert Einstein continuano a fare scuola ed essere sempre di grande attualità. Un’espressione che si confà perfettamente con l’idea di ristrutturare casa: il momento topico in cui “il sogno” si rapporta suo malgrado con la realtà. C’è la possibilità di rendere il nostro appartamento esattamente come lo immaginiamo? La soluzione è affidarsi all’impresa migliore.

Valutare i preventivi senza puntare esclusivamente sul risparmio

Dalla sostituzione degli impianti agli spostamenti (abbattimento o costruzione ex novo) delle pareti. L’idea di ristrutturare casa nasce sia da un’esigenza pratica che da una estetica. Prima di chiedere il rilascio di preventivi alle diverse aziende presenti sul mercato è bene individuare quali sono le esigenze che gli operai dovranno soddisfare a seguito del conseguimento del lavoro. In questa fase è preferibile richiedere preventivi a diverse aziende che operano nel settore e recarsi presso la propria sede: anche in questo modo sarà possibile farsi un’idea di chi si ha di fronte. La scelta migliore è quella di coniugare l’aspetto economico e la qualità.

Quali sono i lavori svolti dalle aziende?

Un dettaglio da non sottovalutare è la richiesta di visione dei progetti pregressi. Al momento dell’incontro con una delle tante ditte in “lista” per l’affidamento dei lavori è utile dare uno sguardo a interventi di ristrutturazione più o meno simili che l’azienda ha già svolto in passato.

Il rendering fuga ogni dubbio

In fase di colloquio con la ditta di ristrutturazione è possibile azzardare una richiesta: il rendering dell’appartamento. Chiedere, in altre parole, la visione su carta del prodotto finale del nostro appartamento completo quindi di tutti gli interventi: questa tipologia di progetto è in genere realizzata in 3d.

Partecipare ai lavori di ristrutturazione

Affidare i lavori ad una ditta non vuol dire dimenticarsi di avere un “cantiere in casa”. È buona norma essere presenti nella fase della ristrutturazione pur avendo instaurato un rapporto di fiducia con l’impresa. L’interessamento dei committenti può determinare anche l’apporto di novità e soluzioni che in corso d’opera possono essere ancora applicate.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macchie e aloni sul piano cottura, dal dentifricio al limone: cinque rimedi che non conoscevi

  • Il freddo sta arrivando, accoglilo con l'arredamento giusto: mobili e colori per l'autunno

  • Le finestre si aprono da sole: non sono fantasmi, è domotica

  • Verso l'inverno, non trascurare la piscina: come proteggerla durante la stagione fredda

Torna su
AnconaToday è in caricamento